home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, il femminicidio di Giordana: la sentenza sul suo assassino il 7 novembre

Lei lo aveva denunciato per stalking, fu accoltellata. Il Pm ha chiesto trent'anni

Catania, il femminicidio di Giordana: la sentenza sul suo assassino il 7 novembre

Catania. Sarà emessa il 7 novembre la sentenza del processo col rito abbreviato condizionato a perizia psichiatrica a Luca Priolo, il 26enne che il 6 ottobre 2015 ha ucciso con 42 coltellate la sua ex convivente, Giordana Di Stefano, 20 anni, dalla quale aveva avuto una bambina di 4 anni.

Nel processo sono parti civili i genitori, la sorella e la figlia di Giordana Di Stefano, che ha perso il cognome del padre per assumere quello della madre, assistiti dall'avvocato Ignazio Danzuso, e il centro antiviolenza 'Galatea', con l'avvocato Mirella Viscuso.

Il pm Andrea Sorrentino ha chiesto la condanna all'ergastolo. Priolo, che ha confessato il delitto, dopo l'omicidio era fuggito ma, grazie a indagini dei carabinieri di Catania, era stato individuato a Milano e arrestato da militari dell'Arma alla stazione ferroviaria. Il giovane continua a "negare la premeditazione", ribadendo che il movente e' da collegare a "un raptus" dovuto alla "volonta' di lei di non revocare la denuncia per stalking" nei suoi confronti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO