WHATSAPP: 349 88 18 870

Morti sospette in corsia, amanti killer presi a Saronno

Morti sospette in corsia, amanti killer presi a Saronno

Un medico e un'infermiera dell'ospedale di Saronno (Varese), amanti, sono stati arrestati con l'accusa di omicidio per alcune morti sospette in corsia e per il presunto omicidio del marito di lei. Leonardo Cazzaniga, anestesista di 60 anni, è accusato dell'omicidio di 4 anziani pazienti fra il 2012 e il 2013 all'ospedale di Saronno (Varese) dove lavorava e, successivamente, di aver ammazzato con Laura Taroni - infermiera dello stesso reparto arrestata anche lei oggi e ritenuta dalla Procura di Busto Arsizio l'amante del medico - il marito di lei, morto non in ospedale. Per entrambi l'accusa è comunque di omicidio volontario. L'operazione è stata denominata 'Angeli e demoni'. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, iniziate nel 2014 e coordinate dalla Procura di Busto Arsizio, il medico, che lavorava al pronto soccorso dell'ospedale di Saronno e che poi era stato trasferito, è accusato dell'omicidio di 4 pazienti anziani e malati ricoverati nello stesso reparto. I delitti sarebbero avvenuti dal febbraio 2012 all'aprile 2013. L'accusa sostiene che alle vittime l'anestesista ha somministrato "dosi letali di farmaci per via endovenosa, in sovradosaggio e in rapida successione". I farmaci usati, spiega nel dettaglio la Procura in una nota, sono "clorpromazina, midazolam, morfina, propofol e promazina". L'omicidio del marito dell'infermiera sarebbe avvenuto alla fine di giugno 2013. All'uomo i due arrestati avrebbero somministrato (non in ospedale), "per un lungo periodo, farmaci assolutamente incongrui rispetto alle sue reali condizioni di salute, debilitandolo fino a condurlo alla morte". L'anestesista "usava riferirsi a un proprio 'protocollo' per il trattamento dei malati terminali". E' quanto ha ricostruito la Procura di Busto Arsizio nelle lunghe indagini iniziate dopo la denuncia di un'infermiera e che hanno escluso il movente economico: nei delitti che sarebbero avvenuti in ospedale, il medico non avrebbe quindi agito per un tornaconto personale. Le indagini hanno riguardato anche altri casi ritenuti sospetti: al momento quelli contestati sono 4.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa