home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

MONTEBELLUNA (TREVISO)

Malato Sla, funerali a Montebelluna

Parroco, non avrebbe voluto clamore, a volte strumentalizzato

Malato Sla, funerali a Montebelluna

MONTEBELLUNA (TREVISO), 15 FEB - "Lui non avrebbe voluto tutto questo clamore, a volte strumentalizzato". Lo ha detto oggi, in un passaggio della sua omelia nel corso del funerale di Dino Bettamin, il parroco di Montebelluna, don Antonio Genovese. Il riferimento è alla discussione nata intorno alla scelta assunta dallo stesso Bettamin, malato di Sclerosi laterale amiotrofica (Sla), di chiedere di essere sedato ed addormentato fino alla conclusione naturale della sua vita, ormai compromessa dall'aggravarsi della malattia. "Ha vissuto una vita di grande sofferenza negli ultimi anni - ha proseguito il sacerdote - ma di gioia e amore con amici e famiglia. Ha amato la vita fino alla fine, fino a quando la sofferenza è diventata insopportabile, ha chiesto di andare incontro al Signore. Rispettiamo in silenzio e senza parole fuori luogo - ha concluso Genovese - il dolore e la sofferenza".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa