home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Almaviva, sindacati perplessi su "new co" per Palermo

Per la Cisl c'è rischio di creare una "bad company". Non pochi tra i rappresentanti dei lavoratori sono già sul piede di guerra

Almaviva, sindacati perplessi su "new co" per Palermo

PALERMO - C'è chi parla di "operazione matrioska", chi di "bad company" nella quale far confluire le perdite strutturali di Almaviva Contact generate su Palermo. Di certo c'è solo un’ipotesi di conferimento di ramo d’azienda, messa nero su bianco, dalla società che coinvolge la sede del call center del capoluogo siciliano, dove Almaviva Contact occupa 3.400 operatori, quasi tremila a tempo indeterminato. La proposta illustrata ieri ai sindacati, riguarda la creazione di un new co, una società di capitali a responsabilità limitata, controllata al 100% da Almaviva Contact, nella quale far confluire entro il 18 giugno il complesso di risorse umane e strutture operanti a Palermo. A quasi un anno, dalla sottoscrizione dell’accordo ministeriale che ha messo in cassa integrazione i lavoratori a Palermo, il documento in possesso dell’Ansa, e sottoposto ieri ai sindacati nel corso di una riunione a Palermo, arriva come una doccia fredda. E non pochi tra i rappresentanti dei lavoratori sono già sul "piede di guerra". Parla di rischio "bad company" la Cisl, che chiede ad Almaviva Contact di rispettare gli accordi siglati un anno fa che prevedevano il rilancio del sito di Palermo e non creando una newco». Nel documento, infatti, l’azienda comunica l'intenzione di procedere al «conferimento di un ramo d’azienda costituito dal complesso delle attività, strutture, personale, presenti nell’unità produttiva e distribuito nelle sedi di via Cordova, piazza Tumminello, Ammiraglio Gravina, Cordova e Ugo La Malfa, a Palermo, a una società cessionaria neocostituita, con forma giuridica società di capitali a responsabilità limitata, con sede legale a Palermo e il cui capitale sociale sarà integralmente controllato da Almaviva Contact». Una proposta motivata, si legge ancora, dal fatto che «la società vive un momento di difficoltà connesso alla situazione nel suo complesso e alle problematiche che caratterizzano il mercato specifico; fattori che hanno reso necessaria l’adozione di diverse iniziative dirette ad affrontare le marginalità economiche sempre più insufficienti e i conseguenti esuberi di personale scaturenti da tale contesto».

Il progetto di riorganizzazione prevede «il consolidamento dell’unità produttiva come soggetto dotato di autonomia giuridica, organizzativa e finanziaria» che dovrebbe «garantire - si legge ancora nel documento - una maggiore responsabilità imprenditoriale del sito e una maggiore focalizzazione dello stesso verso il complessivo delle entrate e delle uscite». Alla new co sarà conferita l’unità produttiva, dunque «dipendenti, attività e passività necessari per l'esecuzione di contratti d’appalto di servizi svolti nell’unità produttiva» di Almaviva Contact ma non le commesse in fase di esecuzione. «I contratti di appalto di servizi relativi a commesse ivi eseguiti - scrive la società - non costituiranno oggetto di conferimento e permarranno nella cedente Almaviva Contact». L’operazione di cessione del ramo d’azienda dovrebbe concludersi a metà giugno «in data successiva al 13 giugno e comunque non oltre il 18 giugno 2018». A passare alla new co sarebbero oltre 3 mila operatori impiegati dal colosso dei call center a Palermo. Agli operatori la società conta di applicare il contratto collettivo delle telecomunicazioni; che manterranno i livelli retribuitivi previsti dalla contrattazione, e Tfr, ferie e permessi maturati che passeranno alla new.co.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO