home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Messina, bloccati i "Bonnie e Clyde" di negozi e Centri Commerciali

Una coppia di coniugi, 59 e 54 anni, è stata denunciata per furto aggravato e ricettazione. Rubavano dalle scarpe ai prodotti per l'igiene intima

Messina, bloccati i "Bonnie e Clyde" di negozi e Centri Commerciali

Messina - I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina hanno denunciato per furto aggravato e ricettazione di una coppia di coniugi messinesi, rispettivamente di 59 e 54 anni, con alle spalle svariate vicende giudiziarie per furto. Grazie a una telefonata sul numero di emergenza 112, i Carabinieri si recavano tempestivamente presso il Centro Commerciale di Tremestieri, dove constatavano che due autovetture parcheggiate erano state forzate e dall’interno asportata merce varia. I Carabinieri concentravano da subito l’attenzione sui due coniugi che erano stati notati nei paraggi. E in effetti dal controllo dell’abitazione dei sospettati emergeva, oltre al rinvenimento della merce rubata dalle vetture, anche altra merce come abbigliamento, scarpe, vestiti e cappelli, prodotti per la pulizia della casa di ogni genere e dell’igiene della persona. I prodotti erano stati rubati principalmente nei negozi: Coin, Max&Co, Luisa Spagnoli, Ard, Centro Commerciale Tremestieri, Acqua e Sapone ed Eurospin. 

I due sono stati così denunciati per furto in concorso aggravato dal danneggiamento della serratura dei mezzi derubati. Parte della merce è già stata consegnata ai legittimi proprietari. L’intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile, impegnati nel pattugliamento di quell’area, ha interrotto sul nascere l’attività illecita. Per i due è scattata la denuncia per furto in concorso.

Le indagini sono tutt’ora in corso al fine di verificare il modus operandi dei due coniugi, verosimilmente utilizzato anche in una serie di decine di furti denunciati nelle ultime settimane proprio in corrispondenza dell’area commerciale di Tremestieri-Pistunina e della zona centrale del Capoluogo, laddove è stato riscontrato un preciso modus operandi: i 2 si appostavano nei parcheggi dei noti Centri Commerciali della zona sud di Messina ovvero osservavano nei pressi della centralissima via San Martino gli ignari avventori di negozi, che depositavano i propri acquisti nelle rispettive autovetture, per poi avvicinarsi, forzare le serrature delle autovetture (quasi tutte di medio-piccola cilindrata) asportare qualunque tipo di busta (anche di semplice spesa) ed allontanarsi in pochi secondi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa