home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Mafia, la Dia sequestra a Messina immobili destinati a una nota clinica

Sigilli alla casa di cura Cappellani, gestita dal Gruppo Giomi SpA, quest’ultimo estraneo all’inchiesta. L'edificio acquistato con una operazione di riciclaggio

Mafia, la Dia sequestra a Messina immobili destinati a una nota clinica

MESSINA - Personale della Dia di Messina, supportato dal Centro operativo di Catania, e militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza dello Stretto, a conclusione di indagini coordinate dal procuratore Maurizio De Lucia, hanno sequestrato un ingente patrimonio immobiliare destinato a struttura sanitaria, che ospita una nota clinica della citta dello Stretto, la casa di cura Cappellani, una delle più importanti della Sicilia. Gli imprenditori titolari della clinica avrebbero fatto rientrare capitali dall’estero e sono accusati di evasione e riciclaggio.

L’intero complesso immobiliare sarebbe stato acquistato con fondi prima portati all’estero e successivamente "scudati" e fatti rientrare in Italia con società create ad hoc. E’ questa l’accusa al centro dell’inchiesta della Procura di Messina sfociata nel sequestro di "Villa Cappellani", di proprietà della «Immobiliare Cappellani Srl», imponente struttura che ospita la nota omonima clinica gestita dal Gruppo Giomi SpA, quest’ultimo estraneo all’inchiesta. Sigilli sono stati posti anche a rapporti finanziari. Il valore complessivo dell’operazione è stimato in 10 milioni di euro.

Tra gli indagati ci sono i fratelli Dino e Aldo Cuzzocrea, il farmacista Antonio Di Prima e Dario Zaccone, quest’ultimo ex presidente dei revisori dei conti del Comune. I primi tre sono accusati di trasferimento fraudolento di titoli e di valori. Zaccone, invece, è indagato per riciclaggio.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore Maurizio De Lucia e dall’aggiunto Sebastiano Ardita, è partita da una segnalazione della Banca d’Italia su operazioni sospette di rientro dal Lussemburgo di capitali in Italia, nel 2009, con l’utilizzo dello «scudo fiscale ter» . Dalle indagini della Dia e della guardia di finanza di Messina sarebbe emerso che l’operazione sarebbe stata realizzata per acquisire, con provviste "illecite" precedentemente esportate e facendo intervenire negli atti societari dei fidati prestanome, un consistente complesso immobiliare da destinarsi all’esercizio di professioni mediche.
Il patrimonio della 'Immobiliare Cappellani srl' sarà affidato a un amministratore giudiziario che consentirà l'erogazione dei servizi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO