home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Ci sono troppi scalini», la nuova insegnante di Alicudi rinuncia

Nella scuola più piccola d'Europa nuovi problemi per i tre alunni. E la protesta dei genitori continua

Vulcano, alla media l'anno scolastico non è ancora cominciato

«La docente di matematica nominata nei giorni scorsi si è recata sull'isola di Alicudi ma ha dovuto rinunciare in quanto il percorso fino alla scuola, con 350 scalini, le è risultato estremamente pesante».

Lo ha raccontato Bartolo Pavone, vicepreside della scuola elementare di Lipari, da cui dipende Alicudi. Nella scuola più piccola d’Europa ci sono tre alunni ma le lezioni non seguono un calendario preciso: gli insegnanti vanno e vengono. Per questo i genitori degli alunni protestano.

«Nel Centro preparazioni esami - spiega Pavone - è stato dato incarico alla docente residente già insegnante di ruolo per una preparazione mirata alle materie letterarie, in vista dell’esame di fine anno, sempre come integrazione alla frequenza delle lezioni tenute in comune con gli alunni di primaria. La segreteria sta lavorando a ritmo serrato per individuare la nuova docente della primaria e un’altra docente di matematica per il Cpe. Per la scuola di Filicudi sono state integrate le lezioni impartite per tutti gli alunni della primaria dalla docente di ruolo con lezioni di scuola secondaria».

«Riteniamo - conclude - che l’unica soluzione per risolvere anche i problemi scolastici nelle isole minori potrebbe essere una legge che dia la precedenza per l’insegnamento nelle isole dei docenti eoliani. Il paradosso è che una decina di insegnanti eoliani sono costretti a lavorare nel nord Italia e pur avendo fatto richiesta anche per gravi motivi di malattia e di famiglia, non sono state autorizzati a rientrare nelle loro isole». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • luigi sidoti

    18 Novembre 2017 - 03:03

    Mi sembra essere ritornato ai tempi dell'unità d'ItaLia quando i soldati di leva siciliani erano costretti a fare il militare in alta Italia; ma quella era strategia politica, allontanre i ""focosi"" picciotti siciliani dalla loro terra per non mettere a rischio la fragile Unità da un ripensamento di indipendenza , ma oggi un professore catanese comandato a Belluno e un valdostano a Catania è. ....La buona scuola di Renzi. Meditate Gente quando andate a votare perché si deve andare a votare!

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO