WHATSAPP: 349 88 18 870

Incidente sulla Sansovino
Il fratello di una delle vittime
«Erano abbandonati allo sbando»

Le parole di Paolo Parisi, fratello di Santo, motorista di Terrasini, una delle vittime della tragedia di Messina e che si è recato al Policlinico per il riconoscimento delle salma

Incidente sulla SansovinoIl fratello di una delle vittime«Erano abbandonati allo sbando»

I soccorsi sulla nave Sansovino [foto Carmelo Imbesi]

Messina. «Non si può morire in questo modo. Erano evidentemente allo sbando, senza alcun controllo, nè sicurezza, non si possono abbandonare così al loro destino i propri lavoratori».

Lo dice Paolo Parisi, fratello di Santo, motorista di Terrasini, deceduto ieri durante l’incidente sulla nave 'Sansovinò a Messina. Lui e altri familiari delle vittime sono andati al Policlinico di Messina per il riconoscimento delle salme.
Anche Nino Natoli, suocero di Gaetano D’Ambra, 27 anni, di Lipari, sposato e padre di una bimba, secondo ufficiale, rincara la dose: «Non doveva essere lì, era un sottufficiale, ma veniva costantemente applicato a mansioni da operaio e manovalanza. Gli facevano svolgere compiti ai quali non era tenuto. Voleva andarsene presto, per venire a lavorare con me».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa