home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sequestrati beni per 1,6 milioni a esponenti della mafia palermitana

I sigilli sono stati apposti dalla Guardia di Finanza. Tra i boss colpiti dal provvedimento anche Giovanni Bosco

Sequestrati beni per 1,6 milioni a esponenti della mafia palermitana

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, eseguendo un provvedimento della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, hanno sequestrato beni per circa un milione e 600mila euro riconducibili a boss e gregari di Cosa nostra.
Tra questi c'è Giovanni Bosco, ex reggente della famiglia mafiosa palermitana di «Boccadifalco - Passo di Rigano», in carcere dal 2001 per associazione mafiosa.
Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Palermo, era emersa la partecipazione di Bosco a summit con boss del calibro di Giulio Caporrimo, Cesare Lupo, Antonino Sacco e Giuseppe Calascibetta, poi assassinato nel 2011. Le indagini del G.I.C.O. di Palermo hanno, inoltre, consentito di individuare altri soggetti responsabili di aver accumulato ingenti patrimoni illecitamente. Si tratta Giacomo Vaccaro, Girolamo Celesia e Pietro Mansueto.
Tra i beni sequestrati ci sono un ampio terreno con una costruzione in viale Regione Siciliana, di Mansueto; una società di distribuzione di bevande di Girolamo Celesia, un villino a Campofelice di Roccella (PA), riconducibile a Giacomo Vaccaro.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa