home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La denuncia, «Avvocato taccia, qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo»

A riferire la frase pronunciata dal Presidente del Tribunale del Riesame di Trento, durante un'udienza a Trento, è l'avvocato Stefano Giordano. «Episodio increscioso - afferma Giordano - che sarà oggetto di un esposto»

La denuncia, «Avvocato taccia, qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo»

Palermo - "Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo". A pronunciare questa frase choc, come racconta all’Adnkronos l’avvocato Stefano Giordano, che si dice "preoccupato per l’accaduto", è stato il Presidente del Tribunale del Riesame di Trento, Carlo Ancona, nel corso di una udienza che si è celebrata ieri proprio a Trento. "E' un fatto gravissimo oltre che una frase razzista - dice Giordano, figlio del Presidente del Maxiprocesso di Palermo Alfonso Giordano - .

Ieri mi trovavo al Tribunale di Trento per una udienza di rinvio al Tribunale del Riesame, quando è avvenuto un fatto increscioso". "Il presidente del Tribunale del Riesame, il dottor Carlo Ancona - spiega Stefano Giordano, nel frattempo tornato a Palermo - nel condurre l’udienza con un indagato palermitano e con il sottoscritto come difensore, mi ha impedito di svolgere la mia arringa, profferendo la seguente frase: "Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo". A questo punto, ho chiesto, e solo dopo numerosi sforzi, ho ottenuto la verbalizzazione di quanto accaduto".


"Purtroppo - aggiunge Stefano Giordano - nonostante numerose richieste, non sono riuscito a ottenere dalla cancelleria del Tribunale del Riesame di Trento copia del suddetto verbale". "Manifesto la mia preoccupazione per quanto accaduto, in quanto avvocato, in quanto cittadino italiano e, soprattutto, in quanto palermitano - dice ancora Stefano Giordano -. Ho già concordato con il presidente del'Ordine di Palermo, l’avvocato Francesco Greco, di redigere insieme un esposto che sarà prontamente comunicato al Csm e alle altre autorità istituzionali competenti".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • Anna68

    21 Settembre 2017 - 07:07

    Ha ragione il giudice di ancona.... Qui in Sicilia i giudici dovrebbero essere tutti rimossi e mettere giudici del nord!

    Rispondi

  • Catanese

    21 Settembre 2017 - 08:08

    Un solo provvedimento, l CSM decida la radiazione senza benefici pensionistici che sarebbero indirettamente a carico dei Palermitani (e dei siciliani).-

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO