home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Strage Capaci, confermato ergastolo a chi procurò l'esplosivo

Carcere a vita per Giuseppe Barranca e Cristofaro «Fifetto» Cannella. Il terzo imputato, il pentito Cosimo D'Amico, condannato in appello a 30 anni, è morto prima che la sentenza passasse in giudicato

Strage Capaci, confermato ergastolo a chi procurò l'esplosivo

La prima sezione penale della Cassazione ha confermato l’ergastolo per Giuseppe Barranca e Cristofaro «Fifetto» Cannella, responsabili di avere procurato l'esplosivo utilizzato per la strage di Capaci del 23 maggio '92, in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

Il terzo imputato, il pentito Cosimo D’Amato, condannato in appello a 30 anni, è morto prima che la sentenza passasse in giudicato. I tre si sono avvalsi del rito abbreviato. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO