home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

No del Tribunale di Sorveglianza, Marcello Dell'Utri resta in carcere. Lui: «Sciopero della fame e cure»

Respinta la richiesta di sospensione della pena presentata dai legali dell’ex senatore che sta scontando una condanna a 7 anni per concorso in associazione mafiosa

No del Tribunale di Sorveglianza, Marcello dell'Utri resta in carcere

Il tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto la richiesta di sospensione della pena presentata dai legali dell’ex senatore Marcello Dell’Utri che sta scontando una condanna a 7 anni per concorso in associazione mafiosa. I legali avevano motivato la richiesta sulla base delle cattive condizioni di salute del detenuto.

E l’ex parlamentare dopo la decisione del Tribunale di sorveglianza ha annunciato, tramite i suoi legali, lo sciopero della fame e delle cure.  "Preso atto della decisione del Tribunale che decide di lasciarmi morire in carcere - ha riferito agli avvocati De
Federici e Filippi - ho deciso di farlo di mia volontà adottando da oggi lo sciopero della terapia e del vitto».

«Sulla scorta del quadro clinico complessivo i periti hanno concluso per la compatibilità con il carcere non emergendo criticità o urgenze tali da rendere necessario il ricorso a cure o trattamenti non attuabili in regime di detenzione ordinari» hanno scritto i giufici del tribunale di sorveglianza di Roma.

Per i giudici e per i periti da loro nominati le patologie cardiache e oncologiche di cui dell’Urto soffre, «sono sotto controllo farmacologico e non costituiscono aggravamento del suo stato di salute. La terapia può essere effettuata in costanza di detenzione sia in regime ambulatoriale che di ricovero ospedaliero».

Nel provvedimento il tribunale parla insomma di «quadro patologico affrontabile in costanza di regime detentivo». «D’altronde - precisa il collegio - Dell’Utri è seguito da suoi specialisti e nessuno ha ravvisato ritardi nelle cure».

Non ci sarebbe alcun aggravamento delle condizioni di salute dell’ex senatore, dunque. E «la pena - spiegano - può assumere il suo carattere rieducativo non prestandosi a giudizi di contrarietà al senso di umanità».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • mongibel

    08 Dicembre 2017 - 08:08

    È convinzione diffusissima che la Giustizia, in Italia, lasci molto, ma molto a desiderare. E non credo affatto che proprio nel caso di Dell'Utri l'operato della Magistratura (che fatica mettere la maiuscola) abbia raggiunto la perfezione e vada immune da critiche.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO