home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, il vicesindaco Marino: «A breve l'acqua sarà razionata, i cittadini si attrezzino»

L'Amap sta valutando i tempi per la turnazione. Ma la Cisl: «E l'acqua delle sorgenti Scillato si perde a mare»

Palermo, rinviata turnazione distribuzione idrica

"A meno che il tempo non ci aiuti credo che saremo costretti alla turnazione dell’acqua. Invito tutti i cittadini a risparmiare e a evitare sprechi. Anche su questo fronte come sui rifiuti noi palermitani dobbiamo cambiare stili di vita".

A dirlo è stato il vice sindaco di Palermo, Sergio Marino, a margine di una conferenza stampa di Legambiente sui rifiuti convocata all’Assemblea regionale siciliana, parlando dell’emergenza siccità in cui è piombato il capoluogo siciliano.

"La presidente dell’Amap, insieme al sindaco - aggiunge Marino -, sta in questi giorni valutando i tempi della turnazione ma è un evento che avverrà a breve. Conviene che sin da ora i cittadini si attrezzino. Speriamo che piova ma in ogni caso bisogna attrezzarsi per l'emergenza pensando a utilizzare l’acqua in maniera parsimoniosa".

Per il numero due di Palazzo delle Aquile l’emergenza idrica non è determinata dalle reti colabrodo? "Negli anni sono stati fatti interventi di ristrutturazione della rete idrica".

Un annuncio che ha creato polemiche. «Palermo torna al passato con il razionamento idrico. Peccato che dal 2010 si continui a sversare in mare l’acqua delle sorgenti di Scillato, a causa di una breccia nell’acquedotto che la porta in città» ha detto Giovanni Musso, segretario generale Femca Cisl Palermo Trapani, e Lia Arcuri, segretario aziendale all’Amap per la Femca Cisl Palermo Trapani. «In 8 anni sono stati buttati a mare 100 milioni di metri cubi d’acqua potabile - aggiungono Musso e Arcuri - provenienti da una sorgente nota per le sue caratteristiche, tanto che recentemente il comune di Scillato ha formalizzato le procedure di aggiudicazione per l’imbottigliamento per scopi commerciali».

Secondo la Femca Cisl «nulla è stato fatto per risolvere definitivamente il problema, se non un intervento tampone nel 2017 che ha riportato in condotta solo una parte di quest’approvvigionamento idrico».

«È inconcepibile - affermano - che un’azienda possa tollerare che un terzo del suo fatturato vada buttato, senza che sia riuscita trovare i giusti interlocutori per procedere alla riparazione dell’acquedotto, anche con mezzi propri, tenuto conto che l’investimento sarebbe stato ripagato in qualche anno». «Dal 2010 il fabbisogno idrico di Palermo - ricordano - è stato soddisfatto utilizzando le acque potabilizzate degli invasi, con elevati costi energetici e di trattamento e così, anno dopo anno, gli invasi si sono svuotati fino a diventare delle pozzanghere e l’approvvigionamento idrico è ora un problema di non facile soluzione».

«Oggi come effetto della scellerata gestione - aggiungono - diventa indispensabile la turnazione e si invoca lo stato di calamità naturale prospettando come soluzione i dissalatori. Dietro la sete d’acqua ci sono progetti, lavori, accordi e finanziamenti, un business ingente». Per i dissalatori sono richiesti investimenti di milioni di euro, tempi lunghi per la realizzazione oltre a costi elevatissimi per la gestione e manutenzione per la produzione di acqua potabile, come insegnano le esperienze di Cefalù e Trapani».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO