home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

"Non fu prestanome mafiosi": dissequestrato patrimonio imprenditore Lena

Nel patrimonio di Francesco Lena torna anche l'azienda vitivinicola "Abbazia Santa Anastasia" di Castelbuono (Pa)

"Non fu prestanome mafiosi": dissequestrato patrimonio imprenditore Lena

 PALERMO - Sette anni e mezzo dopo il sequestro, chiesto e ottenuto dalla Procura di Palermo, vengono restituiti tutti i beni all'imprenditore Francesco Lena, assolto definitivamente dall'accusa di essere un prestanome dei mafiosi.
Nel patrimonio di Lena torna l'azienda vitivinicola "Abbazia Santa Anastasia" di Castelbuono (Pa). La sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo ha dato ragione all'imprenditore e ai suoi legali, gli avvocati Andrea Dell'Aira e Rosario Vento. Il nome di Lena era stato associato a boss del calibro di Bernardo Provenzano (secondo l'accusa, il defunto padrino corleonese era il vero proprietario dell'Abbazia), Salvatore Lo Piccolo, Nino Madonia e Antonino Rotolo. Si partiva da alcune intercettazioni in cui i boss parlavano di favori resi da Lena. Secondo il collegio, però, "non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore", né i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO