WHATSAPP: 349 88 18 870

Esorcismi a luci rosse, prete e colonello zitti davanti a Gip

Il sacerdote Salvatore Anello e Salvatore Muratore, in carcere per violenza sessuale, non hanno risposto durante l'interrogatorio di garanzia

Gli esorcismi a luci rosse del sacerdote e del colonnello arrestati a Palermo

PALERMO- Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, all’interrogatorio di garanzia davanti al gip, il sacerdote Salvatore Anello e il colonnello dell’esercito Salvatore Muratore, in carcere da venerdì per violenza sessuale.
Secondo la ricostruzione della Procura il religioso, frate del convento dei Cappuccini di Palermo, che teneva incontri di preghiera per ottenere la «guarigione e liberazione dai demoni», avrebbe abusato di donne, alcune minorenni, in difficoltà e con problemi psicologici col pretesto di sottoporle ad esorcismi.


Il militare era uno degli animatori della comunità religiosa di cui il prete faceva parte e per i magistrati avrebbe approfittato di quattro donne e di una minorenne in stato di fragilità psicologica. A denunciare gli abusi è stata una vittima. I legali dei due indagati, gli avvocati Paolo Libassi e Francesco Billetta, valuteranno se presentare istanza di scarcerazione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

I controlli antiterrorismo a Catania

 
Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa