WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, uccise benzinaio perché carburante troppo caro, confermata condanna a 30 anni

La Corte d’assise d’appello di Palermo ha confermato la condanna a trent'anni di reclusione per Mario Di Fiore, l’ex muratore accusato di aver ucciso, nel giugno 2015, il benzinaio Nicola Lombardo, a piazza Lolli, a Palermo

Palermo, uccise benzinaio perché carburante troppo caro, confermata condanna a 30 anni

La Corte d’assise d’appello di Palermo ha confermato la condanna a trent'anni di reclusione per Mario Di Fiore, l’ex muratore accusato di aver ucciso, nel giugno 2015, il benzinaio Nicola Lombardo, a piazza Lolli, a Palermo.

Alla base dell’omicidio, secondo la ricostruzione degli inquirenti, il prezzo del carburante considerato troppo caro dall’ex muratore. Di Fiore avrebbe litigato con la vittima, sparandogli poi alle spalle con una 7,65. «Ho saputo che era sposato e aveva due figli, sono distrutto», aveva detto al suo avvocato.

La famiglia di Lombardo si è costituita parte civile con l'assistenza dell’avvocato Fabio Lanfranca che ha fatto ricorso in appello, ottenendo un risarcimento di 150 mila euro ciascuno per la moglie e i due figli. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa