home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

"Non rivelò alcun segreto d'ufficio"
Assolto a Catania il pm Nico Gozzo

Era accusato di avere passato ai cronisti carte di una inchiesta su Totò Riina che in carcere disse a un compagno di cella: "La Juve quest'anno è una bomba". I pm ritenevano fosse una minaccia

"Non rivelò alcun segreto d'ufficio"Assolto a Catania il pm Nico Gozzo

Nico Gozzo

Il Tribunale di Catania ha assolto "per non aver commesso il fatto» il pm Nico Gozzo (adesso pg a Palermo) dall’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio. Una vicenda nata dall’inchiesta aperta dopo la pubblicazione del contenuto di alcune intercettazioni in carcere tra il capomafia Totò Riina e i familiari.

Sul Fatto Quotidiano, a ottobre del 2013, si virgolettava una frase del padrino corleonese ritenuta ambigua dagli investigatori. «Quest’anno la Juve è una bomba», diceva Riina. Parole apparentemente innocue che, a dire dei pm, avrebbero nascosto una minaccia a uno dei magistrati palermitani che indaga sulla trattativa Stato-mafia.

Dopo la pubblicazione dell’articolo venne aperta un’indagine dai pm di Caltanissetta che, ipotizzando il coinvolgimento di un collega del distretto, trasmisero tutto a Catania. Vennero perquisite le abitazioni di due cronisti del Fatto e a casa di una di loro fu trovato un file dal quale, secondo l’accusa, sarebbe stato possibile dedurre un ruolo di Gozzo nella fuga di notizie. Gli avvocati di Gozzo, Francesco Crescimanno e Roberta Pezzano hanno però dimostrato l’estraneità del magistrato dalle accuse.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO