home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Riina ci ripensa e non risponderà alle domande dei pm

Il capo di Cosa nostra aveva detto sì all'interrogatorio nel processo sulla trattativa Stato mafia. Ora arriva il dietrofront: "Non sta bene"

Riina ci ripensa e non risponderà alle domande dei pm

Totò Riina ci ha ripensato e non si fare interrogare dai pubblici ministeri del processo sulla presunta trattativa Stato mafia. Un annuncio quello del boss corleonese che aveva destato molto clamore in quanto sarebbe stata la prima volta per il capo di Cosa nostra. Riina, infatti, non si è mai sottoposto ad interrogatorio e, dal suo arresto, a gennaio del '93, ha fatto solo dichiarazioni spontanee. Un suo eventuale sì avrebbe, invece, comportato per la Procura la possibilità di fargli un ampio numero di domande.

«Questo è un processo vuoto, non c'è motivo per cui il mio cliente dovrebbe rifiutarsi di rispondere», aveva detto il legale dopo avere parlato al telefono col boss e averne raccolto la volontà.

Una volontà improvvisamente venuta meno e giustificata dal capomafia con le sue precarie condizioni di salute in cui, però, versa ormai da molto tempo.

Al momento nessuno degli imputati del processo sulla trattativa ha acconsentito a rispondere in aula ai pm tranne Massimo Ciancimino e il pentito Giovanni Brusca. In passato più volte ha fatto dichiarazioni spontanee il generale Mario Mori e domani, sempre per dichiarazioni spontanee, sarà la volta dell’ex ministro DC Nicola Mancino, imputato di falsa testimonianza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO