home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Caso Fragalà, doveva essere pestaggio dimostrativo per classe forense ma diventò un omicidio

I killer, che si sono accaniti sulla vittima con violenza brutale, avevano messo in conto che questa potesse morire

Caso Fragalà, doveva essere pestaggio dimostrativo per classe forense ma  diventò un omicidio

PALERMO - Doveva essere un’aggressione finalizzata a dare un segnale a tutti gli avvocati palermitani. Ma Cosa nostra aveva ben chiaro che il pestaggio potesse trasformarsi in un omicidio: per questo il gip, accogliendo la tesi della Procura, ha contestato ai sei arrestati accusati della morte di Enzo Fragalà l’omicidio volontario, seppure col dolo indiretto, aggravato dall’avere agito per rafforzare la mafia.

I killer, che si sono accaniti sulla vittima con violenza brutale, avevano messo in conto che questa potesse morire. Secondo la ricostruzione dell’accusa - l’indagine è stata condotta dai carabinieri - gli esecutori materiali furono Paolo Cocco e Francesco Castronovo. Castronovo, che si presentò a casa del pentito Francesco Chiarello poche ore dopo il delitto, sotto choc e coperto di sangue, era incaricato da Cosa nostra di danneggiamenti e aggressioni. Sarebbe stato responsabile di un pestaggio fatto con le stesse modalità pochi mesi prima.

L’ordine di dare una lezione al penalista sarebbe partito da Francesco Arcuri, boss del Borgo Vecchio che, nel 2010, era stato scarcerato da poco dopo avere scontato una condanna per mafia.

Nel corso di una intercettazione in carcere tra i capimandamento di Porta Nuova Giovanni e Giuseppe Di Giacomo emerge chiaramente che questi fossero a conoscenza degli autori dell’omicidio. Il pentito Chiarello fa poi i nomi dei responsabili e punta il dito su Francesco Arcuri, mandante, Antonino Abbate, Antonino Siragusa e Salvatore Ingrassia, già coinvolti nella prima indagine sul delitto, poi archiviata, e Cocco e Castronovo, mai indagati prima. Abbate avrebbe partecipato sia alla fase preparatoria che a quella esecutiva individuando la vittima e coprendo i killer. Stesso suolo di copertura degli assassini avrebbero avuto Ingrassia e Siragusa.

Le dichiarazioni di Chiarello vengono riscontrate da una serie di intercettazioni: come quella della conversazione in cui Cocco confessa alla moglie il suo ruolo e l’altra in cui, sempre Cocco, dopo aver ritrovato una microspia a casa, rassicura il suo interlocutore di non aver mai parlato del delitto. Castronovo, invece, intercettato dice alla cugina di essersela "scansata» (evitata ndr) fino a quel momento. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa