home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Per consolidare galleria ferroviaria rubavano massi dal greto del fiume Platani, i carabinieri fermano lo scempio

Castronovo di Sicilia, denunciati dai carabinieri e dall'ex Corpo Forestale i titolari delle ditte che inoltre smaltivano sul corso d'acqua il terreno scavato dal tunnel. A febbraio in quest'area a seguito dell'esondazione di un torrente era morta una persona

Per consolidare galleria ferroviaria rubavano massi dal greto del fiume Platani, i carabinieri fermano lo scempio

Stavano prelevando con degli escavatori e con dei camion per il movimento terra massi dal letto del fiume Platani in territorio di Castronovo di Sicilia, proprio nei pressi dell’area dove lo scorso mese di febbraio una persone è morta perché travolta dal fango e dall’acqua dopo l’esondazione del torrente Morello.

GUARDA LE FOTO

A scoprire e fermare lo scempio ambientale sono stati i Carabinieri di Castronovo di Sicilia che hanno notato alcuni mezzi al lavoro nel fiume Platani ed hanno deciso di effettuare un controllo.
Al momento dell’intervento dei Carabinieri, gli escavatori ed i camion movimento terra stavano prelevando massi dal letto del fiume, per poi trasportarli all’interno del vicino cantiere di costruzione di una galleria ferroviaria, dove venivano riutilizzati per lavori di consolidamento. Al contempo, parte della terra di risulta dello scavo della galleria, veniva invece riversata nel letto del fiume. I legali rappresentanti delle ditte interessate, sono stati denunciati alla Procira di Termini Imerese. I capi d’accusa sono il furto aggravato ai danni dello Stato e lo smaltimento illegale di rifiuti, dal momento che entrambe le ditte infatti agivano in assenza delle previste autorizzazioni.

Sono intervenuti anche i Carabinieri del Centro regionale anticrimine ambientale Carabinieri di Palermo e Agrigento, l’ex Corpo Forestale che come è noto è confluito nei carabinieri.
 

Le società coinvolte sono la Alpin srl e Sicurbau. Le società hanno sede a Torrecuso in provincia di Benevento. Stanno realizzando per conto di Rfi i lavori di completamento del tratto della galleria naturale "Lercara» a singola canna e a semplice binario previsti nel progetto di «Velocizzazione della linea Palermo-Agrigento». L'importo dei lavori è di 29 milioni di euro. «Attendiamo di ricevere il verbale da parte della magistratura - dicono da Rfi - solo allora conosceremo le contestazioni e valuteremo cosa fare».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO