home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Partinico, botte alla compagna per farla prostituire: arrestato

I carabinieri hanno messo le manette a un 51enne accusato di sequestro di persona, riduzione in schiavitù, induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, nonché lesioni nei confronti della convivente 28enne

A Catania sedie rosse, taxi dedicati e tante altre iniziative

I carabinieri di Partinico hanno arrestato un uomo di 51 anni accusato di sequestro di persona, riduzione in schiavitù, induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, nonché lesioni nei confronti della compagna convivente 28enne.

Il provvedimento è stato firmato dal gip del Tribunale di Palermo Roberto Riggio, su richiesta del sostituto procuratore Siro De Flammineis e del procuratore capo di Palermo, Francesco Lo Voi.

L’inchiesta ha coperto un periodo compreso tra il luglio del 2010 e l’aprile del 2016.

Le indagini sono state avviate dai militari della Compagnia di Partinico nel mese di maggio scorso, a seguito della denuncia di una donna che accompagnata in caserma dal padre, tra le lacrime, ha trovato la forza di raccontare ai Carabinieri degli abusi e delle condotte violente di cui era stata vittima ad opera dell’uomo, con il quale aveva avviato un rapporto di convivenza nell’estate del 2010.

I successivi riscontri – sviluppatisi principalmente attraverso l’escussione di circa 30 “clienti” che avevano fruito delle prestazioni sessuali, cui era stata costretta la ragazza – hanno ricostruito i fatti e fornito gli indizi per arrestare il 51 enne. L’uomo secondo l’accusa sistematicamente segregava la compagna all’interno dell’abitazione, chiudendo la porta di ingresso dall’esterno con un lucchetto e sbarrando le finestre con delle tavole di legno fissate con chiodi.

La ragazza era costretta a praticare rapporti sessuali con uno o più uomini, secondo appuntamenti e modalità concordate dai “clienti” dal compagno, spesso all’interno della loro abitazione, ma anche in aree campestri, nonché all’interno di autovetture. Le prestazioni prevedevano perlopiù la corresponsione direttamente nelle mani dell’indagato di 20 euro per ogni singolo rapporto sessuale cui era costretta la donna. Tale importo – funzionale a sostenere le spese relative al pagamento del canone di locazione dell’immobile in affitto – veniva talvolta integrato da dazioni di generi alimentari.

I rifiuti opposti dalla donna in molteplici circostanze avevano come conseguenza il pestaggio della stessa ad opera del suo “aguzzino”. In almeno due circostanze documentate, la ragazza si recava presso strutture sanitarie della Provincia di Palermo per ricevere assistenza: in un’occasione le veniva diagnosticata la frattura del setto nasale; nell’altra, oltre ad un trauma cervicale, le era stata anche comunicata l’avvenuta interruzione di gravidanza a causa delle botte subite.


COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa