home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ars, i deputati M5S rinunciano alla pensione

Secondo il regolamento dell'Assemblea dopo 4 anni, 6 mesi e un giorno dall'avvio della legislatura i deputati, anche quelli che hanno alle spalle un solo mandato, avranno diritto a un minimo di mille euro al mese al 65esimo anno di età

Ars, i deputati M5S rinunciano alla pensione

Il Movimento Cinque Stelle all’Ars rinuncia "irrevocabilmente" al diritto alla pensione che, secondo il regolamento dell’Assemblea, scatterebbe dopo 4 anni, 6 mesi e 1 giorno di legislatura. Un diritto che diventerebbe effettivo al compimento dei 65 anni di età e che, nel caso di una sola legislatura, ammonta a circa mille euro al mese. Ad annunciarlo, durante una conferenza all’Ars, è stato il deputato Giancarlo Cancelleri insieme agli altri 13 deputati pentastellati.

"E' un privilegio medioevale - afferma Cancelleri - anzi, visto che qualcuno sostiene di aver abolito i vitalizi, direi che è un vitalizio travestito da pensione perché non esiste alcun lavoratore che dopo 4 anni matura la pensione".

Ma l’obiettivo del Movimento è quello di modificare il regolamento. Il 29 marzo, i Cinquestelle hanno presentato all’ufficio di presidenza dell’Ars una proposta in tal senso ma, sottolinea Cancelleri, "non abbiamo saputo più nulla".

Il Movimento chiedeva "pensioni uguali per tutti", ovvero che durante gli anni di legislatura per i deputati siano versati normalmente i contributi all’ente di previdenza invece di creare "questa specie di pensione". "Il giorno del privilegio o della vergogna, il 6 giugno, è vicino - sottolinea Cancelleri - e torniamo a chiedere a gran voce che la nostra proposta sia discussa".

Per quella data il Movimento farà comunque una grande manifestazione sotto al Palazzo. "Probabilmente la nostra proposta non verrà neanche discussa - aggiunge - perché in questo parlamento davanti alle cose scomode si è sempre deciso di evitare la discussione invece che prendersi la responsabilità di bocciarla. Noi comunque abbiamo deciso". "L'atto che compiamo oggi è di grande giustizia sociale e non ha nulla a che fare con la campagna elettorale" ha sottolineato Francesco Cappello.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Gipizzino

    24 Maggio 2017 - 14:02

    Sarà possibile? Domanda: come è possibile rinunciare alla pensione considerato che la Regione ha già versato i relativi contributi pensionistici nel Fondo regionale? Perché non rinunciare o devolvere in beneficenza, qualora prevista, la buona uscita che si incasserebbe subito e non al raggiungimento del 65° anno di età?

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO