WHATSAPP: 349 88 18 870

Crocetta e il “club dell’Antimafia”:

Crocetta e il “club dell’Antimafia”: «Bolzoni? Non ha capito molte cose»

Il governatore: «Lo Bosco non l’ho nominato io. Confindustria? Ho preso solo pedate»

Intervista con i governatore: «Lo Bosco non l’ho nominato io»
Crocetta e il “club dell’Antimafia”: «Bolzoni? Non ha capito molte cose»
Presidente Crocetta, allora è tornato. «Certo che sono tornato. Tre giorni dovevo mancare e tre giorni sono mancato. E mi hanno detto che ero scappato, che ero andato a farmi le vacanze. Mentre io, da lì, seguivo i forestali e il rimpasto minuto dopo minuto».    Pentito di essere partito? «E perché dovrei esserlo? Ho avuto onori da capo di Stato. E ho lavorato con la Tunisia per un accordo quadro di tipo economico, sociale, culturale. Ho lavorato per la Sicilia, come faccio ogni giorno. Forse anche di più».   Ha azzerato anche l’Ast, dopo l’arresto del presidente Lo Bosco. «Sì, l’ho fatto. E non ho ignorato nessun dossier, sull’Ast. Sono io che ho predisposto un dossier. Ho chiesto un’attività ispettiva da qualche mese e sto aspettando un rapporto il cui iter è in corso e che dovrebbe concludersi a breve».   Veramente abbiamo parlato del comitato di sorveglianza dell’Ast. «Non ho avuto la relazione definitiva del consiglio di sorveglianza dell’Ast presieduto da Bellomo, perché questo lavoro non è stato completato. Forse hanno avuto qualche cosa alle Infrastrutture, ma sul mio tavolo non è arrivato niente. Chiaro? ».   Chiaro. Ma ha già delle anticipazioni rispetto al lavoro dei suoi 007 all’Ast? «Vedremo quello che emerge. Lo guarderemo con attenzione, non è giusto interferire con il lavoro in corso. C’è un lavoro che sta facendo l’assessorato alle Infrastrutture e un lavoro che sta facendo la Presidenza, perché è giusto che sia così. Mi confronterò con il lavoro di tutti. E chi ha sbagliato è giusto che paghi».   Insomma: pure lei scarica Lo Bosco. «Io non debbo scaricare nessuno, perché non me lo sono mai caricato… E poi politicamente lo sapete bene che Lo Bosco non fa riferimento a noi. Il primo giorno hanno provato a sfruculiare su questo arresto, ma lo sanno unn’è ca pigghia i seggi. E invece hanno tentato di insinuare che questo è politicamente vicino a me. E’ legato ad altri, lo sanno tutti».   Ad Alfano? «Vabbe’, io di questo non parlo».   In Tunisia le sarà arrivato il pezzo di Bolzoni su “Repubblica”. «Bolzoni non ha capito un… Bolzoni un po’ di cose non le ha capite».   Lui cita anche Lumia. «Eeeh? ».   Cita Beppe Lumia. «Chi cita Lumia? ».   Bolzoni. Cita Lumia come regista del sistema. «Ma Lumia è nel libro mastro? ».   No. Nell’articolo lo inserisce nel “club” che dal 2005 in Sicilia decide tutto. «E che avrebbe deciso? Al contrario è. No, no. Il problema non è questo. O riuscite a capirlo, oppure…».   Ci aiuti. «Ma quale aiuto! Questa è una cosa tutta agrigentina, una cosa che è ancora tutta sotto inchiesta. Io non voglio rischiare diffamazioni, mi occupo solo di atti amministrativi».   Forse parliamo di cose diverse. O forse no. Ma Confindustria è ancora azionista influente del suo governo? «Ma se ho preso sempre pedate! Mi hanno attaccato per mesi, mentre avevano l’assessore in giunta. Tutti quanti mi hanno attaccato! Ma di che stiamo parlando? Sono patti sociali, come con i sindacati… Non è che c’è un tema… Fra le altre cose non dimentichiamo che la lotta al racket l’ho fatta io, non è che l’ha fatta mio nonno… A Gela hanno denunciato 150 imprenditori, a Caltanissetta una decina. Quindi di che stiamo parlando? ».   Infatti: di che stiamo parlando? E non è nemmeno “sua” la nomina di Lo Bosco alla Camera di Commercio di Catania? «No, no, no. Quello era l’assessore alle Attività produttive che faceva queste nomine, quelle delle Camere di commercio. Non c’entro niente in questa vicenda, davvero. Lì all’aeroporto di Catania c’è lo scontro fra chi vuole privatizzare, chi vuole collettivizzare… Però con la nuova giunta metteremo mano a tutta questa storia, comprese le Camere di commercio. Dobbiamo fare tutto un percorso. Però c’è un quadro, un quadro che è finito. Voglio dire: la cosa fatta all’aeroporto di Palermo per le denunce sugli affari… si capisce bene che allora abbiamo indovinato alcune nomine, no? ».   Eppure quando si parla di mafia dell’antimafia si mette dentro anche il presidente della Regione… «Non mi interessa di queste cose. Io, ora, mi devo fare il governo». Twitter: @MarioBarresi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP