home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Musumeci: «Crocetta? Si sta dimostrando quel che è: un ciarlatano da caffè»

Il durissimo attacco del candidato alla Presidenza della Regione del centrodestra a governatore uscente: «Dovremo usare le ruspe per rimuovere le macerie che ha lasciato il Pd»

Musumeci: «Crocetta? Si sta dimostrando quel che è: un ciarlatano da caffè»

«Crocetta ha superato persino le peggiori amministrazioni clientelari. Questi sono i frutti di una rivoluzione che è stata una mistificazione. Crocetta ha calato la maschera e si è rivelato per quello che era: un ciarlatano da caffè».

Sono le parole di Nello Musumeci, candidato alla presidenza della Regione per il centrodestra, a margine di un’iniziativa elettorale a Palermo intervenendo ull'aumento di 80 euro in busta paga ai 22 mila forestali dell’Isola, in occasione del rinnovo del contratto integrativo.

«Il Pd in un paese civile – ha aggiunto Musumeci - dovrebbe andarsene di notte, dopo le devastazioni che ha operato in questi cinque anni; e insieme al Pd i suoi alleati ascari che hanno lottizzato le ultime briciole che restavano. Il Pd dovrebbe avere il pudore di non parlare e di chiedere scusa al popolo siciliano per avere completato - ha aggiunto - un processo di devastazione che imporrà a chi arriverà dopo, e ci auguriamo che saremo noi, di dover lavorare con le ruspe per rimuovere tante montagne di macerie».

SICUREZZA. «Da presidente della commissione antimafia ho disposto un’indagine nei comuni siciliani sui vuoti di organico nel corpo di polizia municipale: superano il 60%. Il che significa che senza concorsi l’età media è di 57 anni. E il risultato, aldilà della buona volontà, può essere assai limitato, a fronte di nuove competenze. A Catania e Palermo abbiamo carenze di organico che fanno paura - ha aggiunto - Da anni la Regione non ha una scuola di formazione per la polizia municipale, da anni non riconosce l'indennità di missione speciale né fornisce aggiornamento, quando i sindaci hanno bisogno di contare sulla polizia municipale».

PRIMARIE. «Istituzionalizzare le primarie con una legge regionale per la selezione dei candidati? È quello che avremmo fatto se avessimo avuto il tempo. Abbiamo proposto le primarie già ad ottobre dell’anno scorso; sono uno strumento prezioso se disciplinate da norme chiare e corrette e trasparenti. Il centrodestra da questo punto di vista arriva tardi. Lo dico con molta serenità. I cittadini hanno il diritto di sentirsi protagonisti, nei processi di selezione delle classi dirigenti».

«E ora che finalmente stiamo rigenerando il centrodestra - ha aggiunto - in Sicilia saremmo disposti a un confronto con tutte le forze politiche della coalizione, perché si possa arrivare a un disegno di legge concordato, che per la prima volta in Italia, partendo dalla Sicilia, ancora una volta laboratorio politico, possa sperimentare l’applicazione delle elezioni private per selezionare i sindaci, i candidati presidente della Province e i candidati presidente della Regione».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa