home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Mafia, Grasso: «Inascoltato su Commissione stragi '92»

Il presidente del Senato ai Cantieri culturali della Zisa a Palermo. «Spero che qualcuno parli, non è possibile continuare a mantenere questi segreti»

Mafia, Grasso: «Inascoltato su Commissione stragi '92»

PALERMO - Sulla costituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi del'92 "non sono stato ascoltato, ma sono tenace, magari nella prossima legislatura si potrà istituire una commissione per indagare sul collegamento di tanti fatti del nostro Paese, che ha diritto alla verità". L'ha detto a Palermo il presidente del Senato, Piero Grasso, durante la presentazione del suo nuovo libro "Storie di sangue, amici, fantasmi. Ricordi di mafia", in corso ai Cantieri culturali alla Zisa. "Spesso un magistrato, come anche la polizia giudiziaria, riesce a raggranellare elementi che fanno venire fuori intuizioni, laceranti intuizioni perché poi devono essere provate. Questo è il dramma che ci accompagna, capire e però non potere dimostrare, ma bisogna non arrendersi nella ricerca della verità", ha aggiunto.

«Spesso un magistrato, come anche la polizia giudiziaria, riesce a raggranellare elementi che fanno venire fuori intuizioni, laceranti intuizioni perché poi devono essere provate. Questo è il dramma che ci accompagna, capire e però non potere dimostrare, ma bisogna non arrendersi nella ricerca della verità», ha aggiunto Grasso.  Alla domanda se le stragi del '92 sono state solo opera della mafia, Grasso ha risposto di aver «sempre cercato di mettere a fuoco le cose accertate per ricostruire la verità. Non bisogna fermarsi alle domande». 

«Sono un inguaribile ottimista e questo mi fa sperare che qualcuno parli, non è possibile continuare a mantenere questi segreti», ha detto ancora Piero Grasso. «Falcone doveva essere ucciso a Roma - ha detto - Riina ha mandato un commando per ucciderlo nella capitale nel '92, poi li ha richiamati perché avevano perso tempo: c'era stato un difetto di comunicazione, succede anche alla mafia, per fortuna; i mafiosi aspettavamo al "Matriciano", nel quartiere Prati, ma noi andavamo alla "Carbonara", a Campo dè Fiori. Riina richiama il commando, dicendo "tornate, abbiamo trovato di meglio...".
«Penso - ha concluso Grasso - che sia legittimo farsi ancora tante domande a cui qualcuno dovrà rispondere». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO