home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Regionali, l'appello dei vescovi siciliani: «Vincere la rassegnazione e l'astensionismo»

La Cesi ha anche auspicato candidati competenti, corretti e di coerenza morale nell'impegno socio-politico-amministrativo con un «netto rifiuto delle varie forme di corruzione e di clientelismo» e una forte «coerenza etica personale»

Regionali, l'appello dei vescovi siciliani: «Vincere la rassegnazione e l'astensionismo»

In prossimità delle elezioni regionali, i vescovi di Sicilia hanno lanciato un appello per una competizione elettorale «corretta e leale, attenta ai problemi concreti della nostra gente e non preoccupata del successo di parte e dell'occupazione dei posti di potere» e mettono in guardia dal rischio «dell'astensione».

Per i presuli, «la Sicilia non può più aspettare e grava su tutti la responsabilità di elaborare soluzioni praticabili ed efficaci nel superiore interesse dei cittadini, dei poveri e degli ultimi».

Le riflessioni, che nascono «alla luce della Dottrina sociale della Chiesa» e vogliono «annunciare una parola di speranza», sono diffuse oggi a conclusione della sessione autunnale di lavoro della Conferenza episcopale siciliana, riunita a Caltagirone.

«Nessuno può esimersi dalla responsabilità di partecipare fornendo il proprio contributo di idee e di proposte sui temi di maggiore rilevanza politico-amministrativa. La costruzione della casa comune - sintetizzano i vescovi in documento pubblico - non può diventare appannaggio di gruppi autoreferenziali che pretendono di governare in forza dell'investitura di una parte minoritaria del popolo siciliano».

Per i vescovi, «la Chiesa siciliana non può non interrogarsi sulle condizioni di vita delle donne e degli uomini della nostra Regione, sulle possibilità di trovare soluzioni ai numerosi bisogni che affliggono la popolazione: la disoccupazione (specie giovanile e femminile), ancora a livelli allarmanti, e poi la questione della formazione professionale, legata all'obbligo scolastico, bloccata sul nascere; oppure quella delle infrastrutture fragili e del dissesto idrogeologico, tanto per citare alcuni esempi».

I vescovi chiedono infine ai candidati "competenza, correttezza e coerenza morale nell'impegno socio-politico-amministrativo» con un «netto rifiuto delle varie forme di corruzione e di clientelismo» e una forte «coerenza etica personale».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa