home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Regionali, "Impresentabili": 5 eletti, gli altri rimasti fuori

I loro nomi nell'elenco presentato alla presidente della Commissione parlamentare Antimafia. Tutti candidabili, secondo la legge Severino, l'hanno spuntata Savarino, Caronia, De Luca, Genovese

Regionali, "Impresentabili": 5 eletti, gli altri rimasti fuori

PALERMO - Giusy Savarino, nel listino del governatore eletto Nello Musumeci, Marianna Caronia, nella lista di Forza Italia eletta perchè Gianfranco Miccichè che ha preso più voti entra attraverso il listino del presidente eletto, Cateno de Luca, nella lista Sicilia vera- Udc per Musumeci, Luigi Genovese nelle liste di Forza Italia, siederanno all’Assemblea regionale siciliana.

I cinque deputati regionali erano nella lista dei 17 cosiddetti impresentabili - perchè condannati, indagati o parenti di persone con precedenti penali - che durante la campagna elettorale è stata stilata dal M5s e che poi ha tenuto banco per oltre un mese. Caronia ha ottenuto 6370 voti, De Luca 5418, Genovese 17.359.


Non è stato invece eletto Antonello Rizza, candidato con Forza Italia, che ha ottenuto 4929 voti. Di lui il candidato governatore 5s Giancarlo Cancelleri ha detto: «Conta una ventina di capi di imputazione in 4 processi a suo carico. Tra i reati di cui è accusato concussione, abuso d’ufficio, truffa aggravata, corruzione elettorale e voto di scambio». Non sono stati eletti anche il catanese Riccardo Pellegrino, (un dossier su di lui, perchè considerato vicino ad ambienti mafiosi ed è fratello di Gaetano imputato di mafia, era stato consegnato dal candidato Claudio Fava alla commissione antimafia) che ha ottenuto 4427 preferenze, Roberto Clemente (5520 voti), Santi Formica (6003), Pippo Sorbello (1949), Mario Caputo (2448), Santino Catalano (2210). Tutti erano candidati in liste che appoggiavano il governatore eletto.


Non va a palazzo dei Normanni neanche il candidato del M5s Giacomo Li Destri (3789) che era stato indicato da Claudio Fava come impresentabile per l’inchiesta che coinvolgeva il cugino omonimo ritenuto boss mafioso di Caltavuturo (Pa). Gionata Ciappina candidato del M5s che era stato condannato a due mesi di reclusione per un reato militare, e messo fuori dal movimento a pochi giorni dalle elezioni perchè non aveva indicato la sua condanna, ha preso 1742 voti e non è stato eletto.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO