WHATSAPP: 349 88 18 870

Spese pazze dell'Ars, Mairacondannato a risarcire 407 mila €

Spese pazze dell'Ars, Maira condannato a risarcire 407 mila €

All'ex capogruppo Udc-Pid contestati noleggio di auto, spese alla bouvette e messe in suffragio in memoria del padre dell'ex presidente dell' Ars Cascio

Spese pazze dell'Ars, Maira condannato a risarcire 407 mila €

PALERMO - I giudici della Corte dei Conti, presieduta da Luciana Savagnone, hanno condannato Raimondo Rudy Maira, ex capogruppo all'Ars di Udc e poi Pid nella scorsa legislatura, a risarcire la Regione per 407 mila euro per le cosiddette "spese pazze" con i fondi del gruppo parlamentare. Il giudizio davanti ai giudici contabili è scattato dopo un'indagine del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Palermo.

 

Prima di lui erano stati condannati a risarcimento altri due ex capigruppo, Francesco Musotto (Mpa) per circa 600 mila euro e Cataldo Fiorenza (Misto) per 42 mila euro.  All'ex capogruppo Udc e Pid vengono contestate le spese che riguardano il noleggio per oltre 100 mila euro di tre Audi A6, utilizzate da lui e dall'ex deputato Fausto Maria Fagone; leasing bocciati dalla Procura della Corte dei Conti alla luce anche delle spese di indennità di trasporto su gomma ricevute dai due deputati, che avevano la residenza fuori dal territorio di Palermo, dove ha sede l'Assemblea regionale. Solo per questa voce Maira dovrà restituire circa 65 mila euro alla presidenza del Gruppo, somme spalmate dal 2008 al 2010. Così come i 200 mila euro dati ad alcuni parlamentari, durante la passata legislatura. 

 

Maira dovrà restituire anche il denaro usato per pagare i conti alla bouvette dell'Ars, circa 16 mila euro, così come le spese telefoniche del gruppo non dovute visto che i deputati ricevevano un rimborso forfettario per le telefonare di 4.150 euro l'anno. L'ultima voce, contestata dai giudici contabili, riguarda la spesa per cinque messe di suffragio in memoria del padre dell'allora presidente dell'Ars, Francesco Cascio, fatte celebrare nella parrocchia di Sant'Eugenio Papa. "Per Rudy Maira tali spese - si legge nella sentenza - rientrano tra quelle di rappresentanza. Tale qualificazione non può essere condivisa: la celebrazione di una messa in suffragio ha un valore sul piano religioso ma non di certo una funzione a carattere istituzionale o di rappresentanza e come tale, può essere una scelta a carattere personale dell'individuo ma non una spesa di funzionamento del gruppo parlamentare". 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

Palermo, libica fermata per terrorismo

 
I controlli antiterrorismo a Catania

 

nome_sezione

Comiso, ecco il piromane del Comune

 
Santa Maria di Licodia: scardinano bancomat: arrestati

 
La contestazione degli studenti

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa