home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Monito di Musumeci alla sua squadra di governo: «Profilo basso, lavorare e tacere»

Il messaggio lanciato durante gli auguri di fine anno con la stampa a Catania. «C'è un grande clima di attesa. Con il tempo produrremo fatti concreti»

Monito di Musumeci alla sua squadra di governo: «Profilo basso, lavorare e tacere»

CATANIA - «Lavorare e tacere dico alla mia squadra di assessori. C'è un clima di grande attesa per le incompiute e per l’inconsistenza di buona parte del fatturato governativo della precedente coalizione e in un momento così drammatico c'è la necessità di aggrapparsi alla speranza». Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci incontrando i giornalisti a Catania per uno scambio auguri di fine anno organizzato dall’Assostampa. «Per la Regione Siciliana - ha affermato - è un fine anno denso di attese, di aspettative. Un profilo basso, niente interviste settimanali, niente grandi propositi per non alimentare attese che poi potrebbero tradursi in cocenti delusioni. Ci sarà tempo anche per questo». «Io desidero accostarmi a questo mondo - ha concluso - con grande rispetto non perché io sia pubblicista da 40 anni, ma perché ritengo fondamentale il ruolo dei giornalisti».

«Ai siciliani rivolgo un messaggio di speranza che non si regge sul vuoto, ma su fatti concreti. Noi con il tempo produrremo fatti concreti», ha aggiunto il presidente. «Ci vorrà qualche anno per rimuovere le macerie e credo che al terzo anno riusciremo a costruire una nuova Regione Siciliana, ma in questo processo difficile e in questa strada tutta in salita ho bisogno di sentire accanto a me il conforto, il sostegno, la condivisione dei siciliani al di là dell’appartenenza o del voto espresso il 5 novembre il diritto al pane, al futuro non conosce barriere né tessere di partito. Io voglio essere davvero il presidente di tutti che debbono ritrovare l’orgoglio dell’appartenenza».

«Dobbiamo dimostrare di essere discontinui con il passato e mantenere un alto profilo istituzionale. Come avete notato, il Presidente non ha partecipato alle trattative per gli equilibri d’Aula legati all’elezione dell’ufficio di presidenza, mentre in passato il presidente era anche il capo della coalizione. Io per primo dico che i partiti devono stare un passo indietro, tornare alla loro funzione: quella di essere cerniera tra la piazza e il Palazzo. L'invadente presenza dei partiti ha, infatti, caratterizzato gli ultimi 30 anni della storia politica e non solo siciliana». «Noi riteniamo che le istituzioni debbano essere liberi dalla pressione dei partiti - ha aggiunto - perché troppo spesso gli stessi partiti hanno improntato la loro azione sull'egoismo e non sui bisogni reali della gente».
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • ASTOLFO

    27 Dicembre 2017 - 19:07

    Beh, se continuerete come avete cominciato, possiamo stare proprio freschi. Figuccia vi ha dato una lezione e uno schiaffo memorabili, ma la gente (di tutti i colori) vi avrebbe dato in faccia qualcosa di più sgradevole di un semplice schiaffo, che comincia però pure per "s".

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO