home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Esercizio provvisorio, Miccichè si difende: «Nessun abuso, mi sono rifatto alla prassi della Camera»

Il presidente dell'Ars ha respinto le accuse di Pd e M5S: «Non ho improvvisato e non ho violato il regolamento»

Esercizio provvisorio, Miccichè si difende: «Nessun abuso, mi sono rifatto alla prassi della Camera»

Il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, riguardo alle polemiche sollevate dal Pd e dal Movimento 5 Stelle sull'approvazione dell’esercizio provvisorio chiarisce «di non avere improvvisato e di non aver violato il regolamento delll'Ars». «Ai fini della determinazione del numero legale - sottolinea Miccichè - ho studiato e mi sono rifatto alla prassi parlamentare utilizzata durante la XIII legislatura dal presidente della Camera Luciano Violante che, per il calcolo del numero legale considerava presenti in Aula anche coloro che non avevano attivato il dispositivo elettronico. Un’interpretazione - conclude - che ha capovolto la linea di ragionamento utilizzata fino a quel momento». Il numero uno di Sala d’Ercole precisa quindi di «non avere improvvisato e di non aver violato il regolamento dell'Ars».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO