home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Stancanelli si smarca: «Grazie a Fratelli d’Italia ma saremo autonomi»

Stancanelli si smarca «Grazie a Fratelli d’Italia ma saremo autonomi» Verso il voto

Avv. come sono i rapporti tra lei e la Sudano? Assapora il «piatto freddo» della vendetta?

«Ho rapporti normali con chiunque. Il problema se essere capogruppo o meno di una coalizione o di un’altra dal punto di vista politico non cambia. Preferirei, invece, concentrarmi sulla battaglia che stiamo affrontando ora, che non è altro che la prosecuzione di quella sfida partita col consenso che veniva dal basso, che ci ha permesso per le Regionali di far sì che la candidatura di Nello Musumeci si imponesse nel centrodestra. Poi alla fine abbiamo avuto ragione perché non soltanto Musumeci è stato candidato, ma ha anche vinto le elezioni e ha fatto vincere il centrodestra che sembrava, sino a qualche mese prima, inesistente. Penso anche che questa campagna elettorale sarà, per quanto riguarda la nostra città, un anticipo di quella che sarà la sfida delle amministrative. Sono convinto che il valore di Musumeci, che già incontra il favore di tanti siciliani, possa consentire al centrodestra, come appare scontato, di ricompattarsi per vincere le amministrative, allargandosi anche alle forze civiche come ha fatto «Diventerà bellissima». Presto faremo un appello a tutte queste forze civiche che vogliono opporsi all'amministrazione che ha governato Catania negli ultimi 5 anni».

Anche lei sarà della partita?

«Certo che una nostra vittoria alle elezioni del 4 marzo e una mia eventuale elezione a senatore nel collegio di Catania avrà un significato di buon auspicio per Catania. La mia candidatura è stata voluta da tutta la coalizione. Ringrazio tutti per questo, in primis Musumeci che ha voluto che io fossi in prima fila».

Che effetto le fa avere la concreta possibilità di tornare ad essere il senatore di Catania?

«Un certo effetto, con l’uninominale sei davvero il senatore di Catania. Se sarò eletto farò la mia parte nella sfida di maggio».

Diventerà bellissima rivendicherà spazi di governo?

«Noi non rivendichiamo spazi. Il drappello di parlamentari del nostro movimento avrà una propria autonomia e penso che riuscirà a supportare dal Parlamento la mission di Musumeci. Questo è lo scopo».

Lei si ritrova capolista al Senato, ma con «Fratelli d'Italia». Questo significa una unione futura?

«No. Affatto. Diventerà Bellissima, del quale sono coordinatore regionale, ha solo fatto un accordo con “Fratelli d'Italia” perché il nostro movimento non poteva presentare liste a causa dello sbarramento del 3% nazionale, che equivale a un milione di voti. Per quanto forti siamo in Sicilia non avremmo potuto.... Abbiamo quindi fatto un accordo elettorale con Fratelli d'Italia che ci ha ospitato, ma manterremo la nostra autonomia».

Ci tolga una curiosità. Cosa avete da dividere con la Lega?

«La Lega ha fatto un accordo di programmma con la coalizione. E’ evidente che con noi sono notevoli le differenze culturali e di impostazione, ma in un ragionamento di coalizione ognuno resta con la propria identità. L'importante è che il programma sottoscritto dai leader venga rispettato».

I sondaggi sul centrodestra a Catania vi danno vincenti. Lei già ci crede...

«Non credo nei sondaggi. Devo dire, però, che per quanto riguarda il mio collegio uninominale vedo grande simpatia e grande partecipazione, ma penso che i sondaggi validi sono solo quelli del giorno dopo le elezioni».

Un’ultima domanda. Per i sindaco dii Catania Pogliese confermato?

«Ho sempre detto che il miglior candidato che il centrodestra possa esprimere è Pogliese. Ma la scelta spetta solo a lui...Catania ha comunque bisogno di tornare ad essere amministrata e la figura di Pogliese può essere la migliore soluzione».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO