WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, Bianco insedia la Conferenza Metropolitana

Catania, Bianco insedia la Conferenza Metropolitana

Il sindaco  ha avviato, con i sindaci del territorio presenti, il secondo importante passaggio per la piena istituzione della Città metropolitana. E si resta in attesa della Regione per i Comuni che hanno richiesto di aderire

Catania, Bianco insedia la Conferenza Metropolitana

CATANIA - «Dichiaro ufficialmente costituita la Conferenza metropolitana di Catania e voglio condividere con i colleghi l’intenzione di  indire il 25 settembre le elezioni per costituire il Consiglio della città metropolitana». Così il sindaco metropolitano Enzo Bianco ha avviato, con i sindaci del territorio presenti, il secondo importante passaggio per la piena istituzione della Città metropolitana. «Confermo il forte impegno per questa fase costituente – ha proseguito Bianco – che condividerò con gli amministratori dei Comuni del territorio ai quali chiedo una presenza costante, per poter meglio affrontare insieme le strategie e dare continuità ai lavori».

 

Il sindaco metropolitano ha comunicato di aver invitato alla seduta costitutiva i sindaci delle città di Gela, Piazza Armerina e Niscemi, che attraverso il referendum popolare e altre  due votazioni consiliari  hanno espresso la volontà di aderire alla Città metropolitana di Catania, così come Licodia Eubea ha intenzione di aderire al Libero consorzio di Ragusa. Presenti il commissario straordinario, Maria Costanza Lentini, il segretario generale, Natalia Torre e il sindaco di Piazza Armerina, Filippo Miroddi, che ha ringraziato il sindaco Bianco dell’ invito alla seduta costitutiva della Conferenza metropolitana.

 

«Per rispettare la volontà popolare  occorre che intervenga l’Assemblea regionale, destinataria insieme al presidente della regione e al sottoscritto di un atto stragiudiziale finalizzato alla sospensione dell’elezione del Consiglio metropolitano – ha aggiunto Bianco. Ciò nelle more che la Regione legiferi con celerità in ordine alle istanza di annessione dei comuni richiedenti. Chiederò che la Regione convochi al più presto una conferenza dei servizi ».

 

Il sindaco Bianco ha, inoltre, confermato che la città metropolitana avrà una sua propria identità. Circa la strategia organizzativa  ha, in linea con le direttive di legge, immaginato di organizzare aree omogenee quali l’Area Calatina, area Alto Simeto e Jonica e l’Area relativa alla “cintura metropolitana catanese”, soprattutto per i Piani metropolitani del traffico e i piani urbanistici.  Un altro importante passaggio sarà la stesura del nuovo Statuto che definirà l’assetto dell’Ente e le strategie di sviluppo.

 

Il sindaco di Acicastello Filippo Drago ha voluto esprimere apprezzamento per l’approccio di condivisione e per le prospettive delineate dal sindaco Bianco.  Il sindaco di Mascali, Luigi Messina, ha invitato il sindaco metropolitano Bianco ad intervenire con la Città metropolitana di Messina per risolvere  il cattivo funzionamento dell’impianto di depurazione del  territorio peloritano.

 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP