WHATSAPP: 349 88 18 870

Sanatoria, gli uffici Ars avevano avvertito: "Norma incostituzionale"

Emerge dal resoconto della commissione dello scorso 12 luglio. Il presidente dell'Ars Ardizzone: "Se ci sono profili di incostituzionalità lo dichiarerò inammissibile"

Sanatoria, gli uffici Ars avevano avvertito: "Norma incostituzionale"

Gli uffici dell’Assemblea regionale siciliana, nella seduta del 12 luglio scorso avevano già avvertito la Commissione Territorio e Ambiente di Palazzo dei Normanni di una "possibile incompatibilità costituzionale" sull'emendamento al Testo unico per l’Edilizia, al centro di numerose polemiche.

Si tratta dell’emendamento A8 presentato dal deputato Girolamo Fazio (Gruppo Misto) che prevede una nuova sanatoria per le case abusive realizzate entro 150 metri dalla costa.

Proprio oggi il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone aveva annunciato che verificherà "se l’emendamento del deputato Mimmo Fazio presenta profili di incostituzionalità, se dovesse essere così lo dichiarerò inammissibile. Ho fiducia e stima negli uffici dell’Ars, oggi c'è un maggiore controllo sulla costituzionalità delle norme". Il no degli uffici all’emendamento A8 emerge dal resoconto della seduta della Commissione, presieduta da Mariella Maggio (Pd): "Il Presidente riporta sommariamente il contenuto di una nota preparata dagli uffici in merito a una possibile incompatibilità costituzionale dell’emendamento A8. Si sofferma sulla presenza nella Regione di un vincolo di inedificabilitò assoluta, fin dal 1976, nella fascia compresa entro i 150 metri dalla battigia, risultante dal combinato disposto dalle legge regionale del 1976 e della relativa norma interpretativa della legge regionale 30 aprile 1991. Indi pone in votazione l’emendamento A8". Il Governo ha espresso parere contrario e alla fine la Commissione non ha approvato l’emendamento.

Ma dopo qualche giorno il deputato Girolamo Fazio, dopo avere modificato qualche dettaglio, ha riproposto la sanatoria per le case costruite entro i 150 metri dalla battigia. La nuova proposta, che approderà martedì i aula, prevede che siano sanati gli edifici costruiti entro il 10 agosto 1985, anche se sono già stati acquisiti al patrimonio comunale.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP