WHATSAPP: 349 88 18 870

Tribunale, condotta della Rai antisindacale su Semprini

Tribunale, condotta della Rai antisindacale su Semprini

Il Tribunale del Lavoro ha accertato il comportamento antisindacale della Rai per l'assunzione del giornalista Gianluca Semprini, conduttore di Politics. La decisione - si apprende - avviene per il mancato rispetto dell'art.6 (poteri del direttore) e dell'art. 34 (poteri del cdr) del contratto nazionale di lavoro. In sostanza - si apprende ancora - mancherebbe la proposta del direttore di Rainews Antonio Di Bella e di conseguenza non sarebbero corrette le comunicazioni al cdr. Anzaldi (Pd), condanna su Semprini pagina nera per Cda - "La condanna alla Rai per comportamento antisindacale in relazione all'assunzione di Gianluca Semprini rappresenta una pagina nera per il Cda con il più alto tasso di giornalisti nella storia del servizio pubblico". E' quanto scrive il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, sul suo profilo facebook. "Già tre mesi fa - spiega Anzaldi - quando furono annunciate l'assunzione dall'esterno del nuovo conduttore del martedì di Raitre e le modalità di contrattualizzazione, furono espressi forti dubbi e interrogativi. Bastava ascoltarli, aggiustare il tiro ed evitare l'ennesima figuraccia all'azienda, che peraltro sta portando i risultati che vediamo. Invece la dirigenza va avanti gaffe dopo gaffe. A pagare sono i contribuenti, che finanziano la Rai con il canone". Gasparri, piove sul bagnato - "Non intendiamo sollevare casi personali su singoli giornalisti o conduttori. Salvo però ribadire che la Bignardi non è assolutamente in grado di dirigere una rete, a meno che non le sia stato dato mandato di portare Rai 3 ai livelli di audience che raggiunse a La7 prima di essere allontanata da quella emittente per il fallimento del suo programma". Lo afferma Maurizio Gasparri (Fi), commentando la condanna ai danni della Rai sul caso Semprini. "Non crediamo che i vertici Rai, per quanto inadeguati, possano perseguire un obiettivo del genere. Ci limitiamo a dire, preoccupati per il destino del servizio pubblico, che piove sul bagnato. Anac, il Tribunale del lavoro, numeri di ascolto imbarazzanti, dirigenti super pagati a fronte di scarse capacità, credo che impongano a tutti una riflessione. L'errore è anche quello di dare troppo potere a poche persone. L'impianto democratico e pluralista su cui si basa la Rai in base alle sentenze della Corte costituzionale è il vero valore che può garantire non solo il rispetto delle idee, ma anche una gestione più adeguata a nuove e importanti sfide".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP