WHATSAPP: 349 88 18 870

Roma 2024: in Aula Campidoglio attesa mozione su 'no'

Roma 2024: in Aula Campidoglio attesa mozione su 'no'

L'assemblea capitolina è riunita per il consiglio straordinario sulle olimpiadi. A presiederla il pentastellato Marcello De Vito. In Aula anche la sindaca Virginia Raggi che però ha in agenda la partecipazione in Consiglio. Tra il pubblico anche la coordinatrice generale del comitato promotore delle olimpiadi 2024 Diana Bianchedi. Il comitato era stato invitato ieri dalle opposizioni. Durante la seduta verrà votata anche la mozione del M5S che formalizza il no alla candidatura olimpica richiedendo a Raggi di ritirarla. Il coordinatore generale del comitato promotore delle Olimpiadi, Diana Bianchedi, dopo che l'Aula Giulio Cesare ha votato l'ordine dei lavori che esclude interventi esterni, è subito arrivata in sala stampa, seguita da molti cameraman, dove ha improvvisato una sorta di conferenza stampa. Il 'blitz' della Bianchedi, che si è intrattenuta a parlare nella saletta adiacente l'Assemblea per circa un quarto d'ora, ha suscitato qualche lamentela dei giornalisti che qui stavano seguendo i lavori consiliari. "Se il ragioniere generale Stefano Fermante si è dimesso? L'ho appreso adesso a mezzo stampa, verificherò quello che è successo". Così il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara interpellato a margine dell'assemblea capitolina sulla notizia riportata da la Repubblica secondo cui Fermante ha rimesso il mandato nelle mani della sindaca Virginia Raggi. "Niente dimissioni, non mi risulta - dice il presidente della commissione capitolina bilancio Marco Terranova (M5S) -, non sono informato abbastanza per rispondere". Campidoglio chiede 600 mila euro di danni a Marino - Cinquecentomila euro per danno di immagine e altri centomila euro per danno funzionale. E' la richiesta di risarcimento fatta dall'Avvocatura di Roma Capitale all'ex sindaco Ignazio Marino per le vicende dell'uso improprio della carta di credito del Campidoglio e per un ingiusto profitto procurato alla propria Onlus. Intanto è la giornata decisiva per le Olimpiadi del 2024. L'Aula Giulio Cesare vota la mozione che chiede formalmente alla sindaca Virginia Raggi di ritirare la candidatura di Roma adottando gli atti necessari. Per il ritiro è pronta anche la mozione di Stefano Fassina per Sinistra per Roma. Il resto delle opposizioni a Palazzo Senatorio, con una lettera inviata dal capogruppo della lista Marchini Alessandro Onorato ma sottoscritta anche dagli altri gruppi, hanno invitato il Comitato Roma 2024. "Riteniamo importante e fondamentale un vostro intervento in tale sede, al fine di illustrare il dossier preparato dal Comitato promotore Roma 2024 ed esporre i benefici e i rischi che la città di Roma può conseguire da tale evento - si legge - avremmo certamente auspicato che tale invito fosse stato avanzato dalla sindaca di Roma o dal presidente dell'Assemblea capitolina, circostanza che non ha trovato alcun riscontro". Ieri il Consiglio regionale del Lazio ha approvato a maggioranza al termine della seduta straordinaria su Roma 2024 un ordine del giorno, firmato da centrodestra e centrosinistra, che "impegna il presidente della giunta a farsi parte attiva nei confronti del sindaco di Roma Capitale nel perorare la conferma della candidatura della città di Roma a ospitare i Giochi Olimpici e paralimpici del 2024 per garantire l'interesse dei cittadini romani e dei cittadini italiani a poter usufruire di una simile opportunità economica e culturale". Il documento è stato bocciato dal M5s. Giornata 'rosa' per sindache M5S, dubbi sulle quote Raggi le critica: 'Discriminatorie' - Gli elettori le hanno preferite ai loro sfidanti uomini, sfatando un tabù - quello della partecipazione delle donne alla vita politica - che resiste ancora e non soltanto in Italia. Eppure le sindache del Movimento 5 Stelle, Virginia Raggi e Chiara Appendino, non ne vogliono sapere di quote rosa. Meglio farcela senza 'aiutini', puntando sulle proprie capacità che, è il loro ragionamento, non hanno sesso. L'assist per discutere di leadership femminile con la prima cittadina del capoluogo piemontese arriva da Oltreoceano, dove le elezioni presidenziali americane potrebbero incoronare per la prima volta una donna. "Women, We Can", "Donne, Noi possiamo" è il titolo dell'incontro in Comune con Jessica Ground, politologa statunitense che è stata direttrice della campagna elettorale 'Women Ready for Hillary', a favore della candidata democratica. Una occasione per ricordare che le leader nazionali nel mondo sono soltanto 22, su oltre 200 Paesi, e che la rappresentanza media delle donne nei parlamenti è di appena il 22,8%. "Le donne sono il più grande serbatoio di talento ancora inespresso", sostiene citando Hillary Clinton la Grounds, il dito contro le barriere culturali, ma anche concrete, che impediscono alle donne di emergere nella politica come nel lavoro. Regge diktat Grillo su Roma,ma torna spettro espulsioni - La consegna del silenzio stampa sul caso Roma resiste tra i 5 Stelle che in Parlamento schivano le domande e rispondono con un sorriso ironico ai cronisti che chiedono un commento sul diktat di Beppe Grillo e sul passo indietro di Tutino al Bilancio. E poco importa se i rilievi mossi dai pentastellati critici della candidatura Tutino abbiano alla fine sortito l'effetto sperato perché, rileva off the record chi riteneva inadatta la rosa con il suo nome, "ci hanno chiesto consiglio ma ora basta, non ci intrometteremo mai più". La consegna del silenzio ora si combina con la richiesta di rilanciare a testa bassa la campagna sul referendum: dopo Palermo il M5s riscopre la piazza e ora punta tutto sulla mobilitazione dal territorio. E così mentre Alessandro Di Battista riparte con il suo Costitution Tour alla volta della Sardegna, si muove la Liguria: 9 giorni di marcia lungo tutta la costa, da Ventimiglia a La Spezia. E poi si muoveranno anche gli altri: la Lombardia, ad esempio, e l'Abruzzo che ha in mente un'iniziativa che si muoverà in camper. Il M5s punta anche sui connazionali all'estero: lancia un appello agli studenti Erasmus e a chi è impegnato per lavoro fuori dall'Italia e avverte il ministro Boschi, partita per il Sud America in veste istituzionale: "se farà campagna per il Sì la denunciamo".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa