WHATSAPP: 349 88 18 870

Marino: 'Ora girerò l'Italia per dire No al referendum'

Marino: 'Ora girerò l'Italia per dire No al referendum'

"Ho inviti in oltre 20 città italiane. Dirò quel che penso sulla riforma: che il Senato va totalmente abolito e che la revisione non è stata studiata e votata come avevano fatto all'assemblea costituente". Lo dice a la Stampa l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, intervistato da diversi quotidiani dopo l'assoluzione sul caso scontrini. Non farà un suo movimento né si candiderà alla segreteria Pd: "Io non sono proprio, di indole, un capopartito. Non lo sarò mai - afferma a Repubblica -. Posso produrre idee e studiare". "Forse non mi sarei dovuto dimettere - si rimprovera -. Ma è vero che io subivo un'enorme pressione. Non solo io, ma anche la mia famiglia. Mi arrivarono due buste con dei proiettili, in una c'erano le cartucce di una P38 SPECIAL con questo messaggio: 'I prossimi proiettili serviranno per bucare te, tua moglie e tua figlia. E sappiamo dove vive tua figlia'. Poi, certo, ci fu l'assedio politico e l'aggressione mediatica...". A Raggi che ha chiesto i danni d'immagine per la città replica: "Mi aspetto che la sindaca si impegni con la stessa determinazione con cui io ho trovato 13 milioni di euro di finanziamenti, grazie ai quali lei ha potuto inaugurare con la fascia tricolore la scalinata di piazza di Spagna restaurata". Raggi dice di esser sotto attacco dei poteri forti. Condivide? "Non lo so - risponde Marino intervistato anche dal Fatto Quotidiano -. Certo che dicendo brutalmente no alle Olimpiadi deve essersi fatta dei nemici molto potenti".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa