WHATSAPP: 349 88 18 870

Renzi: 'Nell'Ue frenetico immobilismo, poco più che niente'

Renzi: 'Nell'Ue frenetico immobilismo, poco più che niente'

"La risposta dell'Ue, come ha detto Jurgen Habermas, sembra caratterizzata da un 'frenetico immobilismo'. Dopo i vertici di Berlino, Bruxelles e Ventotene dove avevamo immaginato per Bratislava un significativo programma di riforme, ambizioso per il futuro, abbiamo dovuto realizzare che il frenetico immobilismo portasse poco più che a niente. Un documento banale, somma di tanti riassunti, elenco di buone promesse assolutamente non all'altezza della grande sfida Ue". Lo ha detto il premier Matteo Renzi alla Camera nelle comunicazioni in vista del Consiglio Ue, lamentando che "il rilancio dell'Ue è oggi profondamente minato da discussioni di piccolo cabotaggio" e rivendicando il ruolo dell'Italia che oggi ha un "atteggiamento di stimolo, un'ingombrante presenza nella discussione" dell'Unione europea. Renzi ha spiegato che "Il prossimo vertice europeo arriva in un momento in cui l'Europa ha subito un duro shock con la Brexit" e "con un quadro di incertezze sul futuro" ed ha sottolineaqto che l'appuntamento a Roma fissato per marzo 2017, quando "i 27 paesi si riuniranno nella città eterna e proveranno a immaginare il futuro", è "uno spartiacque, importantissimo, cruciale, decisivo". "Il vertice di Roma 2017 - ha proseguito - vuole raccontare alle nuove generazioni cosa può essere l'Europa. La mia proposta è che i gruppi parlamentari aiutino lavorando insieme sulla base di proposte concrete ma anche di un ideale condiviso. Sarebbe bello se anche il Parlamento italiano accompagnasse il percorso del 2017". Il capo del governo ha negato quindi che le proprie critiche all'Ue siano fuori luogo: "Il tempo della proposta non può essere sganciato dalla constatazione che quando le cose vanno male bisogna dirlo. Autorevoli commentatori hanno detto che l'atteggiamento italiano dopo Bratislava era sbagliato e fuori luogo. Non è passata una settimana che Juncker si è recato in una sede istituzionale ufficiale per usare quelle stesse parole e dare lo stesso giudizio che avevamo dato noi". Sui tema dei migranti, ha evidenziato che "la Ue si accinge a discutere il prossimo bilancio, nei prossimi mesi si tornerà a discutere la divisione del bilancio Ue. E' fondamentale che l'Italia sia promotrice di una posizione durissima nei confronti dei paesi Ue che hanno ricevuto molti denari dalla comune appartenenza e in questa fase si stanno smarcando dai propri impegni sulla ricollocazione degli immigrati". Ed ha rimarcato come "il fatto che il mancato riferimento all'Africa sia stato da noi brutalmente stigmatizzato ha portato a una rinnovata vitalità e attenzione sul tema. Altri leader europei in visita in Africa e il tema finalmente è all'ordine del giorno della discussione in modo meno superficiale del passato". Secondo Renzi, inoltre, "dire con chiarezza che ai compiti che derivano dall'appartenenza all'Ue corrispondono uguali obblighi, è cruciale in questa fase. Gli aspetti positivi devono essere equilibrati da aspetti negativi. Il bilancio dell'Ue dovrà fare chiaramente riferimento a chi dice sì e dice no alla ricollocazione". Un forte richiamo anche sul tema del sisma: "Un paese che ha vissuto tre terremoti" come quelli dell'Aquila, dell'Emilia e quello del centro Italia "può permettersi di soggiacere a regole burocratiche per non guardare alle esigenze dei propri cittadini? E' inaccettabile anche che qualcuno lo pensi", ha dichiarato il premier definendo "allucinante la discussione di questi giorni in Italia" sullo scomputo delle spese per il terremoto.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa