WHATSAPP: 349 88 18 870

Regionali, s'infiamma la guerra dei sondaggi
Esulta il M5s, ma il Pd: «Noi siamo al 30%»

Grillo carica i suoi sul blog: «Noi vinciamo senza inciuci». I dati dem: in Sicilia per la Camera sarebbe testa a testa

Regionali, s'infiamma la guerra dei sondaggi Esulta il M5s, ma il Pd: «Noi siamo al 30%»

Ma i numeri che hanno fatto saltare dalla sedia i dem siciliani esistono. La Sicilia ha visto i risultati del recente sondaggio commissionato dal Centrodestra sulle intenzioni di voto per le Regionali e ieri abbiamo pubblicato alcuni dati: Movimento 5stelle al 38%, centrodestra al 35% e centrosinistra al 18%, col Pd sotto il 10% e Ncd ago della bilancia al 6%. Non abbiamo alcun motivo di ritenere - nel pieno rispetto della nostra fonte -  che le slide mostrateci non siano autentiche.

 

Detto ciò, i commenti. Di esultanza, da parte dei 5stelle. «Il MoVimento 5 Stelle è l’unica forza politica che può arrivare al 40% senza inciuci e ammucchiate. I dati di oggi in Sicilia lo dimostrano. Per questo Renzi non vuole fare votare gli italiani: sarebbe la sua fine. Al voto, al voto subito!». Lo scrive Beppe Grillo introducendo un post sul blog, a firma di M5s Sicilia, in cui si fa riferimento al sondaggio citato dal nostro giornale: «I dati dicono che il MoVimento 5 Stelle è al 38%. A seguire ci sarebbe un’altra forza d’opposizione, cioè il Centrodestra che, in caso di coalizione unita, si attesterebbe al 35% Numeri da brivido, invece, per il Pd che si fermerebbe all’8% mentre l’intera coalizione che ad oggi sostiene Rosario Crocetta totalizzerebbe il 18%». E conclude: «Mentre i partiti cercano di fare numeri attraverso coalizioni ed inciuci, noi raccogliamo i frutti di 5 anni di lavoro al fianco dei cittadini, e ci apprestiamo ad affrontare una campagna elettorale senza esclusione di colpi».

 

Nel Pd non l’hanno presa bene. Crocetta (per il dettagli si veda l’articolo a pagina 2) si tratta di «dati sballati». Anche il sottosegretario Davide Faraone esterna ai suoi fedelissimi più di una perplessità. Ma, ufficialmente, mantiene la calma mediatica. Anche nei confronti dello stesso Crocetta, che continua a provocarlo fino a tarda sera (quando il leader renziano era all’Olimpico a vedere il trionfo della Roma sulla Fiorentina) ascrivendolo fra gli «altri soggetti che in modo tirannico si autocandidano» e precisando che «in termini greci il tirannico è un abusivo, colui che non è stato investito dal popolo». Ma Faraone - poi definito dal governatore «un egiziano» che «non conosce bene la Sicilia» - resta muto come una sfinge per tutto il giorno.

 

Dal suo entourage filtra però un altro sondaggio, realizzato dall’Istituto Piepoli per il Partito democratico a livello nazionale. Una cartella sull’intenzione di voto dei siciliani se si votasse alla Camera. In questo contesto il M5s sarebbe il primo partito (ma col 32%) e il Pd triplicherebbe (fino al 30%) le percentuali in mano al centrodestra. Molto più basso della media nazionale l’apporto di Sinistra Italiana (appena il 2%). Una curiosità: nella slide, che finisce anche sui siti, Ncd (con un robusto 8%) viene “fisicamente” collocato negli istogrammi dell’altra coalizione, assieme a Forza Italia (16%), Fratelli d’Italia (7%) e Lega Nord-Noi con Salvini (2%). Chissà se la collocazione degli alfaniani sia stata scelta dal presidente nazionale del partito Matteo Orfini, che ieri ha polemizzato con il ministro degli Esteri.

 

Fin qui la guerra dei sondaggi. Combattuta a colpi di numeri e schermate. L’ultima indagine ufficiale sulle Regionali (correttamente pubblicata su sondaggitaliani.it) è quella di Euromedia research su commissione di #DiventeràBellissima giusto un anno fa. Nello Musumeci era dato vincente sul Pd in due scenari: col 34,5% contro Enzo Bianco (34,2%) e col 41,8% contro Davide Faraone (24,5%); in entrambe le simulazioni c’era Giancarlo Cancelleri, rispettivamente a quota 30,4 e 33,7%.

 

In quel sondaggio, così come in quelli più recenti, il vincitore è il partito del non voto. Un siciliano su due diserta le urne. L’unico dato certo - e il più grave - di cui nessuno sembra preoccuparsi.

Twitter: @MarioBarresi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa