home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Migranti e Ong, Salvini all'attacco: «Questo è scafismo di Stato»

Bordate per Alfano e Orlando, definiti «ministri indegni», ma anche per CinqueStelle anche se Di Maio riabdisce le sue accuse alle Ong

Migranti e Ong, Salvini all'attacco: «Questo è scafismo di Stato»

ROMA - Ha tenuto banco anche oggi il caso «ong-migranti» con il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, che ha lanciato accuse pesanti al Governo non esitando a parlare di «scafismo di Stato». Il leader del Carroccio denuncia anche l'esistenza di un dossier dei servizi segreti che certificherebbe contatti tra trafficanti e alcune associazioni. «Se esiste questo dossier, ed è in mano al presidente del Consiglio Gentiloni e il premier lo tiene nel cassetto, sarebbe una cosa gravissima. Se esiste lo renda pubblico a tutti gli italiani e lo dia al Procuratore capo di Catania» chiede Salvini e il capogruppo della Lega al Senato, Gian Marco Centinaio invita il presidente del Consiglio a non sottrarsi al confronto con il Parlamento: «venga a dire se esiste o no un dossier che smaschera le Ong colluse con la criminalità».

 

Contro l’Esecutivo va giù pesante il segretario della Lega che ritiene Alfano e Orlando due ministri «indegni».  «Questo non è un modo di gestire l’immigrazione intelligente. Ritengo che il governo sia complice, me la prendo con i ministri che danno indicazione alla Marina Militare e alla Guardia costiera di fare scafismo di stato. Gli scafisti ormai non usano più navi ma gommoni mezzi sgonfi dove mettono cento disperati, perché sanno che poi basta un colpo di telefono e qualcuno li va a prendere. Noi come Lega - annuncia Salvini - denunceremo con il nostro team di legali non le associazioni ma i politici che stanno coprendo tutto questo». Bordata ad Alfano che «ha fatto il ministro dell’Interno, ha fatto il ministro con delega all’invasione clandestina per tre anni quindi se si sveglia adesso e avesse dignità, dovrebbe dimettersi».

 

E mazzate anche ai Cinque stelle che sul tema dell’immigrazione «sono peggio del Pd di Renzi». «Adesso Di Maio fa il furbetto, fa la voce grossa, ma in Parlamento con il Pd hanno depenalizzato il reato di immigrazione clandestina e a Bruxelles hanno appena votato per il rifinanziamento delle operazioni scafiste di Frontex» attacca Salvini aggiungendo che «Di Maio fa tutto questo per voti» e «fa solo cabaret».

 

Il vicepresidente della Camera dal canto suo ribadisce le proprie accuse alle ong. «Siamo di fronte a un fenomeno in cui delle imbarcazioni prendono dei migranti in mare, e non li salvano mentre stanno per affogare; per me sono taxi. Allora facciamo prima a mettere un traghetto Tripoli-Trapani» afferma ironicamente.

 

Un florilegio di battute stigmatizzato dal Garante dei detenuti, Mauro Palma, secondo il quale «serve tutto meno la bagarre politica». E da da mons. Vinicio Albanesi, presidente della comunità di Capodarco. «Un tema grave come quello dei migranti non può essere trattato a suon di schermaglie o battute» ammonisce. «Sono giorni che la politica si perde dietro polemiche oziose e nel frattempo non si occupa del problema di chi parte a rischio di morire in mare. E questo urlare, da una parte e dall’altra sembra voler coprire un messaggio chiaro quanto inquietante: lasciamoli affogare».

 

Cinque i cadaveri di migranti recuperati oggi dalle navi delle Organizzazioni non governative al largo della Libia mentre continuano gli sbarchi. 187 a bordo della nave Aquarius arrivata stasera a Pozzallo, 36.884 i migranti sbarcati dal primo gennaio 2017 a oggi secondo gli ultimi rilevamenti del ministero dell’Interno. Intanto sono partite stamani dal porto di Gaeta le prime due motovedette cedute dall’Italia alla Guardia Costiera Libica per il contrasto alle organizzazioni dei trafficanti di esseri umani.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa