home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Le frecce tricolori sul teatro Greco per l'apertura del G7

Definiti gli ultimi particolari del cerimoniale confermato che Trump dormirà in albergo

Le frecce tricolori sul teatro Greco per l'apertura del G7
TAORMINA - La maestosità storica del monumento, il panorama mozzafiato della baia di Giardini con lo sfondo dell’Etna e in cielo le strisce di fumo bianco-rosso-verde delle Frecce Tricolori. La cosiddetta «foto di famiglia», che immortala i grandi che partecipano ai Summit, sarà scattata a Taormina la mattina del 26 maggio prossimo, giorno di apertura del G7, all’interno del teatro Greco dove saranno accolte le 20 delegazioni. Sarà una foto spettacolare e certamente unica nel suo genere per la eccezionalità del contesto e della scenografia. I piloti della pattuglia acrobatica dell’Aeronautica italiana decolleranno dallo scalo di Lamezia e punteranno su Taormina arrivando da nord. In questo modo, e senza il preavviso di alcun rumore, determineranno l’effetto sorpresa, comparendo alla vista degli illustri ospiti solo all’ultimo istante con il sorvolo a bassa quota del Teatro e poi puntando verso la baia lasciandosi dietro la striscia tricolore.

 

Questo è solo uno dei particolari del programma del Summit che dovrebbe essere definito nei dettagli entro questa settimana. Comunque, ormai, il grosso del lavoro pare sia già stato fatto. Sotto la regia del commissario straordinario, prefetto Carpino, sono state asfaltate le due strade di accesso al paese e sono stati coordinati gli interventi che, grazie al lavoro dei vigili del fuoco e del Genio dell’Aeronautica militare, hanno permesso la realizzazione in tempi veramente record delle due elipiste, il completamento dei lavori di restauro del teatro Greco e, a giorni, anche il «recupero alla disperata» del Palacongressi che ospiterà i lavori del Summit.

 

Definiti anche quasi tutti i dettagli del cerimoniale. La task force guidata dall’ambasciatore Alessandro Modiano ha già provveduto alla sistemazione delle varie delegazioni, che complessivamente saranno 20 e saranno ospitate tutte all’interno della zona rossa di Taormina. Solo gli Usa e il Giappone (le cui delegazioni superano di gran lunga il numero massimo di 100 componenti previsto dall’organizzazione) dovranno sistemare alcuni delegati a Giardini dove i nipponici, a summit concluso, si fermeranno per un ventina di giorni. Lo staff del presidente Donald Trump (che - è stato confermato - pernotterà in hotel) e la sua delegazione ristretta hanno avuto riservata una palazzina all’interno del Timeo, dove risiederà anche la delegazione italiana e dove, la sera del 26, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (che ripartirà la stessa sera per Palermo) offrirà una cena di gala per 40 persone riservata ai capidelegazione e alle loro mogli.

 

Durante il Summit Taormina sarà «zona rossa», inaccessibile agli estranei e con pesanti restrizioni per i residenti. Tuttavia l’ambasciatore Modiano spiega: «Stiamo facendo un grande sforzo perchè durante il Summit Taormina non sia blindata ma abbia una vita quanto più possibile normale. Per questo abbiamo chiesto ai commercianti di tenere tutto aperto. Ospitare oltre 1.500 delegati sarà un’occasione eccezionale per valorizzare il territorio pur nella massima sicurezza».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO