home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Regione, Alfano: «Nostro assessore tecnico presto fuori dalla giunta»

Il ministro degli Esteri e presidente di Alternativa popolare a Catania per prendere parte al coordinamento regionale del partito, smentisce categoricamente l'ipotesi di una sua candidatura a presidente della Regione

Regione, Alfano: «Nostro assessore tecnico presto fuori dalla giunta»

Angelino Alfano, ministro degli Esteri

CATANIA - «Noi non abbiamo politicamente da che uscire, visto che non abbiamo mai indicato alcun assessore politico nella giunta Crocetta. Eravamo gli sconfitti del 2012, ad un certo punto c'era stata la nostra disponibilità ad una stagione di riforme che non è mai partita ed avevamo indicato un tecnico di area». Lo ha detto il presidente di Alternativa popolare, Angelino Alfano, al termine del coordinamento regionale del partito che si è tenuto a Catania.


«Oggi il nostro coordinatore regionale, Giuseppe Castiglione, ha proposto la chiusura di questa stagione, mai iniziata - ha aggiunto il ministro - e quindi anche il "tecnico" venuto fuori dalla nostra area, si dimetterà al momento in cui avrà completato alcuni piani. Si tratta di giorni o al massimo di settimane, ma questo lo valuterà lui perché non può lasciare atti pendenti». 

E sulla probabilità di una sua candidatura alla Regione, Alfano ha risposto:«Io candidato governatore in Sicilia? Mai data una disponibilità del genere, svolgo un lavoro impegnativo e intendo continuare e farlo. Assicuro che abbiamo uomini e donne in squadra che possono incarnare bene una Sicilia capace di vincere. In Sicilia si vince al centro - aggiunge - e se le coalizioni tradizionali non vogliono perdere e non vogliono far vincere il M5s siamo noi questa opportunità: la possibilità di vincere al centro». Sull'ipotesi di candidatura del presidente del Senato Grasso a Governatore, il ministro esprime «grande rispetto» e per questo «non ci aggiungiamo alla lista di chi lo strattona». «Non sappiamo se lui abbia davvero questo desiderio di candidarsi. Di certo non ci fa cambiare idea. Proporremo un nostro candidato alla regione che sarà legato a un programma di riforme e di rilancio dell’Isola». «Pensiamo - conclude - che l’area moderata siciliana valga il 20% e a questa offriremo candidato e programma per il riscatto della Sicilia e per evitare il successo del M5s che, come hanno dimostrato in altre città, non è la soluzione».

«Ho avuto grande rispetto per la decisione dell’avvocato Girolamo Fazio di ritirare la propria candidatura, credo che sia stata molto rispettosa delle Istituzioni e molto dignitosa. Vedremo cosa diranno i trapanesi, se vorranno votare in maggioranza il candidato sindaco rimasto». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO