home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Aziende ortofrutticole "fantasma" nel ragusano: truffa fiscale di 10 mln

La Guardia di Finanza ha denunciato 18 persone a fronte di 20 aziende coinvolte. Sequestrati beni per tre milioni di euro

Aziende ortofrutticole "fantasma" nel ragusano: truffa fiscale di 10 mln

Ragusa - I finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno scoperto una complessa frode fiscale, denunciando 18 soggetti per reati fiscali e truffa ai danni dell’INPS, coinvolte ben 20 aziende, ed eseguito un decreto di sequestro per equivalente disposto dal Tribunale di Ragusa su beni immobili, mobili e somme di denaro per un valore complessivo pari ad oltre 3 milioni di euro. Una penetrante attività d’intelligence, anche attraverso l’analisi di rischio (sfruttando tutte le banche dati disponibili), ha consentito alle Fiamme Gialle della Compagnia di Vittoria di rilevare l’esistenza di numerose imprese operanti nel vittoriese nel settore della commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli, connotate da gravi indizi di pericolosità fiscale.

I successivi e mirati accertamenti, durati oltre un anno, hanno permesso agli investigatori di scoprire un vero e proprio fenomeno organizzato di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, composto da venti aziende, tutte collegate tra loro, caratterizzate da una operatività limitata nel tempo e finalizzata esclusivamente, prima di cessare l’attività, (Ghost Farms - aziende fantasma), alla copiosa produzione di false fatture.

L’attività investigativa ha permesso di qualificare 4 aziende come “cartiere”, in quanto assolutamente prive di mezzi e di strutture sia logistiche che operative tali da giustificare il rilevantissimo fatturato documentato e le numerose assunzioni di personale. Questi soggetti giuridici, intestati a “teste di legno”, cioè soggetti prestanome nullatenenti, non erano per nulla attivi nella produzione/commercializzazione di prodotti ortofrutticoli, ma dediti solo all’acquisto e alla vendita “di carta”, cioè di fatture false, per favorire l’evasione a terzi soggetti. Il quadro probatorio è stato altresì avvalorato dall’esito degli accertamenti bancari sui conti correnti di riferimento, nei quali non è stata riscontrata traccia di pagamenti delle fatture di acquisto o di accrediti relativi alle fatture ricevute, tantomeno corresponsione degli stipendi ai lavoratori dipendenti e dichiarati all’INPS.

Il complessivo sistema di frode smascherato ha consentito di far emergere un’evasione fiscale quantificata in oltre 3 milioni di euro, derivante principalmente dall'emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, nonché indebite percezioni di indennità previdenziali/assistenziali pari a circa 1 milione e mezzo di euro, tramite la creazione fittizia di ben 415 posizioni lavorative.

Per tali inesistenti posizioni di lavoro, con qualifica di “braccianti agricoli”, è stato richiesto l’annullamento amministrativo delle giornate di lavoro illecitamente denunciate, finalizzato al recupero delle somme illecitamente percepite dall’INPS, ente con cui il Corpo interagisce e collabora costantemente e in maniera particolarmente proficua.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO