WHATSAPP: 349 88 18 870

Il processo. Confronto con il suocero, il pm verso il secondo no

Il processo. Confronto con il suocero, il pm verso il secondo no

Ragusa. Il pm Marco Rota avrebbe detto no al “confronto all’americana”: rigetto-bis per l’istanza della difesa di Veronica Panarello, nessun faccia a faccia con Andrea Stival. Non risulta la notificata fino a venerdì, ma da fonti qualificate si apprende che l’orientamento della Procura di Ragusa è fermo all’«inutilità processuale, rispetto al quadro probatorio acquisito». Se dovesse essere così, l’avvocato Franco Villardita è orientato a «riproporre la richiesta anche al gup, perché sulla ricerca della verità non intendo fermarmi».

E ora l’attesa è per l’udienza di lunedì 26 settembre: previste «dichiarazioni spontanee» dell’imputata per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Loris Stival. Sarà il giorno del Veronica-show, l’occasione per gridare (forse per l’ultima volta in primo grado) la sua innocenza e la sua ultima verità che chiama in correità il suocero, sul quale le indagini non hanno riscontrato responsabilità sul delitto. Villardita, nell’ultima udienza, ha depositato alcune perizie sulle quali confida molto: una ricostruzione video con la sagoma umana «più nitida» dentro l’auto di Veronica, ma soprattutto una perizia medico-legale con la compatibilità del cavo usb (che la donna dice essere stato usato dal suocero) come arma del delitto, anziché le fascette indicate dall’autopsia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa