WHATSAPP: 349 88 18 870

Ragusa, confermata espulsione per l'indiano accusato del tentato rapimento di una bimba

Il giudice di pace ha respinto il ricorso del suo avvocato

Gela: ragazzo lasciato da fidanzata chiede di essere arrestato e, al rifiuto, aggredisce carabiniere

RAGUSA. Confermato il provvedimento di espulsione di Ram Lubhaya, il cittadino indiano di 43 anni, accusato del tentato rapimento di una bambina nel lungomare di Scoglitti lo scorso 16 agosto e al centro di un caso giudiziario che portò il ministro della Giustizia Andrea Orlando a inviare gli ispettori per verificare l’iter seguito dalla Procura iblea.
Il giudice di pace del tribunale di Ragusa, Giancarlo Crispino, ha respinto il ricorso presentato dal legale dell’indiano, Biagio Giudice, che puntava ad annullare il provvedimento di espulsione. Dalla documentazione è emerso che Lubhaya, entrato in Italia regolarmente nel 2005, era stato già espulso nel 2006 dopo che il suo permesso di lavoro era scaduto. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 
Santa Maria di Licodia: scardinano bancomat: arrestati

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa