WHATSAPP: 349 88 18 870

Andrea Stival: «Con la sentenza, famiglia forse di nuovo unita» Francesco Panarello: «Con mia figlia, fino a che vivrò»

Il giorno dell'attesa davanti al Tribunale di Ragusa

L'attesa. Andrea Stival: «Con la sentenza, famiglia forse di nuovo unita» Francesco Panarello: «Con mia figlia, fino a che vivrò»

Veronica Panarello, Andrea Stival

RAGUSA- «Questa sentenza potrà dare una possibilità alla famiglia di riunirsi». Lo ha affermato Francesco Biazzo, legale di Andrea Stival, entrando nel Palazzo di Giustizia di Ragusa per il processo Loris, riferendosi ai contrasti tra il suo assistito e suo figlio Davide Stival.


«E' "commosso" per quest’ultimo giorno - aggiunge il penalista accanto al suo assistito che non vuole parlare con i giornalisti - e vuole soltanto giustizia e pace per suo nipote». Andrea Stival è indagato, in un’altra inchiesta, per concorso nell’omicidio del bambino dopo che Veronica Panarello lo ha accusato di avere ucciso lui Loris perché aveva scoperto che erano amanti. Accusa negata dall’uomo, che nel processo è parte civile.

«Ci aspettiamo che questo fascicolo aperto come atto dovuto - osserva l’avvocato Biazzo - venga chiuso al più presto per l’assoluta falsità delle accuse. Dal processo ci aspettiamo una sentenza che faccia giustizia, quindi una condanna». 

Di speranze e animo opposto è invece il padre dell'imputata. «Oggi è il giorno della speranza. E qualsiasi sia la sentenza io starò vicino a mia figlia: lo farò fino a che vivrò» - ha affermato Francesco Panarello, padre di Veronica, in attesa nel palazzo di giustizia di Ragusa dell’ultima udienza del processo a sua figlia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa