home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Per ora si studia litio, ma si cerca farmaco con meno effetti collaterali

Salute: scienziati verso pillola che fa vivere 10 anni più a lungo

Salute: scienziati verso pillola che fa vivere 10 anni più a lungo
Roma, 8 apr. (AdnKronos Salute) - Per ora gli esperimenti sono stati condotti sugli insetti, ma sembra che promettano l'arrivo di un potente elisir di lunga vita: una pillola anti-invecchiamento che potrebbe aiutare a vivere fino a una decina di anni in più. Si tratta di un grande avanzamento nello studio, che va avanti da alcuni anni, di una proteina chiamata Gsk-3 (glicogeno sintasi chinasi 3). Essa è in grado di accorciare la vita naturale di un essere vivente, ma può essere inibita attraverso una sostanza nota per regolare l'umore in chi soffre di disturbo bipolare: il litio. Ebbene, negli studi condotti dagli scienziati dell'Ucl Institute of Healthy Ageing (Usa), del Max Planck Institute for Biology of Ageing e dell'European Molecular Biology Laboratory sui moscerini della frutta - che possiedono anche loro la proteina Gsk-3 - si è dimostrato che somministrando basse dosi di litio, si riesce a estendere la vita degli insetti in media del 16%. Questo ha sollevato speranze che si possa arrivare a una pillola a base di questa sostanza - o più probabilmente un altro farmaco simile, con meno effetti collaterali - in grado di prolungare l'esistenza umana. E, cosa forse più importante, "la conoscenza di questo meccanismo potrebbe anche rivelare il segreto per evitare l'insorgenza di malattie legate all'età: Alzheimer, diabete, cancro e Parkinson", ipotizza Jorge Ivan Castillo-Quan, autore principale dello studio che appare su 'Cell Reports'. Il team ha rilevato in particolare che il litio blocca l'invecchiamento bloccando Gsk-3 e attivando un'altra molecola chiamata Nrf2, che si trova nei vermi, nelle mosche e nei mammiferi (compreso l'uomo), e rappresenta un'importante difesa contro i danni delle cellule. L'esperto avverte comunque che una pillola che bersagli Gsk-3 è improbabile che venga resa disponibile entro i prossimi 10 anni, anzi: potrebbe non arrivare prima di diversi decenni. Ma una volta messa a punto, potrebbe potenzialmente aumentare la durata della vita di circa 7-10 anni. I ricercatori ora vogliono condurre studi su animali più complessi come i topi, prima di passare ai primati e poi agli esseri umani.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa