home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Anziani: lo studio, volontariato, nipoti e lavoro fanno bene alla salute

Anziani: lo studio, volontariato, nipoti e lavoro fanno bene alla salute

Roma, 16 feb. (AdnKronos Salute) - Il segreto di una vecchiaia in salute? Non fermarsi mai e prendersi cura degli altri. Lavoro, volontariato, cura dei nipoti e altre attività fanno bene alla salute degli anziani. E' quanto emerge da uno studio condotto da Bruno Arpino del Dipartimento di Scienze politiche e sociali della Universitat Pomepu Fabra (Upf) di Barcellona, nell'ambito del progetto di ricerca europeo 'Crew', e cofinanziato dalla Join Program Initiative More Years Better Lives, in collaborazione con l'Università Cattolica di Roma e il team di Paolo Maria Rossini, riunitasi questa settimana a Bruxelles in occasione della conferenza 'Aumentare la base di conoscenza sul cambiamento demografico'.

Si sentono e sono oggettivamente più sani gli anziani attivi rispetto ai coetanei che lo sono meno, specie se all'invecchiamento attivo si associa anche un buon livello di istruzione. Le differenze di salute tra anziani più o meno attivi possono essere anche molto ampie: l'invecchiamento attivo, quindi, è responsabile del 30% di queste differenze. Il progetto Crew riguarda quattro grandi temi. "In primo luogo - spiega Arpino - analizzeremo i fattori che influenzano il benessere della popolazione anziana nella sua multidimensionalità, considerando sia aspetti legati alla salute fisica o mentale, sia al benessere soggettivo, alle percezioni soggettive sul proprio stato di invecchiamento e alla situazione economica. In secondo luogo, studieremo in che misura prendersi cura degli altri (nipoti, genitori, coniuge, eccetera), attività molto frequenti soprattutto in alcuni Paesi e tra le donne, incide sul benessere e le decisioni lavorative".

In terzo luogo, "analizzeremo le sfide poste ai sistemi pensionistici come conseguenza di cambiamenti nelle dinamiche familiari e nel mercato del lavoro. In particolare, studieremo come garantire sistemi pensionistici equi e stabili. Infine - continua Arpino - esamineremo la popolazione di anziani senza parenti stretti, le sue caratteristiche e condizioni di salute".

Lo studio sul'invecchiamento attivo, apparso sul 'Journal of Aging and Health', analizza le diseguaglianze in salute tra persone anziane con livello di istruzione differente, utilizzando tre misure diverse (percezione soggettiva dello stato di salute complessivo, depressione, limitazioni fisiche). "L'ipotesi fondamentale che abbiamo voluto testare - precisa l'esperto - è se le diseguaglianze possono essere spiegate dal diverso grado di invecchiamento attivo degli anziani, cioè il livello individuale di partecipazione ad attività quali lavoro pagato, volontariato, attività sociali e cura dei nipoti. Abbiamo trovato che, per alcuni indicatori di salute, fino al 30% delle diseguaglianze possono essere spiegate dal diverso grado di 'active ageing' e che anziani con più elevato grado di istruzione tendono a essere più attivi".

Il contributo è sostanziale, dicono i ricercatori, se si ci riferisce alla partecipazione al mercato del lavoro e alle attività di volontariato e sociali, mentre è marginale per l'attività di cura dei nipoti. Questo non vuol dire che quest'ultima attività non sia rilevante ai fini dell'active ageing, ma semplicemente che "non contribuisce a spiegare le diseguaglianze socio-economiche in termini di salute".

Pur essendo difficile stabilire in via definitiva l'esistenza di un nesso di causa-effetto tra l'abitudine a svolgere diverse attività e la garanzia di una vecchiaia in salute, "questo studio - conclude Arpino - è stato realizzato proprio per scartare la possibilità di una causalità inversa (ovvero gli anziani più sani tendono a essere più attivi proprio in virtù del loro stato di salute): infatti abbiamo utilizzato dati longitudinali, ossia abbiamo misurato le condizioni di salute dei partecipanti e la loro partecipazione ad attività all'inizio dello studio, e abbiamo visto come l'abitudine a svolgere attività di vario genere inizialmente si associava a un migliore stato di salute due anni dopo".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO