home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ricerca: 'sesto senso' ci difende in auto, ma non quando inviamo sms

Ricerca: 'sesto senso' ci difende in auto, ma non quando inviamo sms
Roma, 12 mag. (AdnKronos Salute) - C'è un sesto senso che protegge i conducenti 'distratti' al volante, perché assorti nei loro pensieri o nelle chiacchiere con il passeggero. Ma anche se questo effetto protettivo è davvero solido, viene meno quando si 'messaggia' con il telefonino. E' l'avvertimento che arriva da una ricerca della University of Houston e del Texas A&M Transportation Institute pubblicata su 'Scientific Reports' con il sostegno del Toyota Class Action Settlement Safety Research and Education Program. La verifica è avvenuta su 59 volontari che sono stati invitati a percorrere con un'auto uno stesso percorso per 4 volte, in condizioni diverse. "La spiegazione di ciò che abbiamo rilevato - spiega Ioannis Pavlidis, uno degli autori - è la funzione messa in campo da una parte del cervello chiamata corteccia cingolata anteriore: essa interviene automaticamente come correttivo quando c'è un conflitto esterno. In pratica provvede a dare una sorta di 'scossa' autodifensiva agli arti, in modo che muovano il volante e correggano la manovra pericolosa. Ma per attivare questa funzione 'sesto senso', la corteccia cerebrale ha bisogno del supporto della vista, che viene meno se si sta utilizzando il cellulare".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa