home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

L'Italia riscopre il botulino, nel 2015 oltre il 12% di richieste di ritocchi

L'Italia riscopre il botulino, nel 2015 oltre il 12% di richieste di ritocchi
Roma, 12 lug. (AdnKronos Salute) - L'Italia riscopre il botulino . A 12 anni dalla sua prima approvazione per fini estetici, il ricorso a trattamenti estetici che fanno uso della tossina botulinica è in crescita nel nostro Paese. Nel solo 2015 la richiesta ha registrato un incremento a doppia cifra rispetto all'anno precedente: un +12,5% che ha permesso all'Italia di essere il Paese in Europa dove i trattamenti estetici con botulino sono aumentati maggiormente. "I tassi di incremento sono superiori del 50% rispetto alle altre principali nazioni europee", osserva Massimo Signorini, presidente di Aiteb, Associazione italiana terapia estetica botulino. "Questa tendenza al rialzo - spiega - deriva da almeno tre motivi. Innanzitutto è stato recepito quanto gli studi internazionali e le continue ricerche affermano ormai da tempo: il botulino ha un profilo di elevata sicurezza, eventuali effetti collaterali non sono permanenti e tendono ad auto-risolversi. In secondo luogo: l'efficacia del trattamento, con conseguente soddisfazione del paziente, è assodata. Un dato confermato da una ricerca che Aiteb ha condotto tra i propri iscritti: più dell'80% dei pazienti che si sottopongono a un trattamento estetico con la tossina tendono a ripeterlo. Terzo, per la maggior parte delle proprie indicazioni, il botulino ha un'azione specifica e unica". Primo trattamento assoluto di bellezza negli Stati Uniti da oltre 10 anni, primo trattamento anche in Germania e Regno Unito, il botulino in Italia ha però sempre risentito di una patina di diffidenza rispetto ai filler. "Quando si parla di medicina estetica, in Italia la preferenza è nettamente in favore dei filler - sottolinea Giuseppe Sito, vicepresidente Aiteb - ma acido ialuronico e tossina botulinica sono due trattamenti estetici profondamente differenti che si basano su sostanze che agiscono in modo diverso. Sono entrambi iniettabili, ma, mentre i filler hanno un'azione riempitiva per restituire volume, la tossina botulinica è un farmaco, sottoposto quindi a controlli e autorizzazioni specifici, che agisce sui muscoli, rilassandoli e distendendoli. Il primo trattamento può essere ben implementato dal secondo e viceversa: è infatti dimostrato che un'azione congiunta di tossina e filler dà risultati più duraturi con un effetto clinico migliore". Il botulino per fini estetici è approvato in Italia dal 2004. Due anni dopo il via libera della Fda (Food and Drugs Administration) negli Stati Uniti, l'Aifa (Agenzia italiana del farmaco) ha approvato l'utilizzo del botulino per la glabella (la ruga fra le sopracciglia). Più recente l'approvazione per la zona perioculare: è dell'inizio del 2014 l'autorizzazione da parte dell'Aifa all'estensione delle indicazioni terapeutiche per il temporaneo miglioramento delle cosiddette zampe di gallina, ossia le rughe che si trovano ai lati degli occhi (cantali o laterali), da moderate a gravi. "La tossina botulinica è un trattamento sicuro per il ringiovanimento del volto: rilassa i muscoli distendendo le rughe e non gonfia. Si tratta però -- conclude il presidente di Aiteb - sempre di un farmaco e, come tale, sottoposto al rigido controllo del ministero della Salute tramite l'Aifa: deve essere trattato da medici esperti".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa