WHATSAPP: 349 88 18 870

Brucellosi, patologia-incubo, Messina è la provincia più colpita

La mappa del rischio stilata dall'Istituto zooprofilattico

Brucellosi, patologia-incubo, Messina è la provincia più colpita

Palermo.Quando in Sicilia si parla di sanità veterinaria, non bisogna mai abbassare la guardia su un fenomeno che si sta diffondendo sempre più, ma che non deve però fare allarmare.

Stiamo parlando della brucellosi animale. Un patologia che colpisce soprattutto gli ovi-caprini e i bovini.

Dai dati che sono stati rilevati dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, la provincia più colpita, com’è noto, è quella di è Messina. Su 312 allevamenti risultati con mucche affette da brucellosi, 177 si trovano nel Messinese, mentre su 309 aziende siciliane di pecore e capre infette 85 si trovano in questa zona. Sono aggiornati allo scorso gennaio e il bollettino documenta le ispezioni svolte nelle aziende di tutta la regione fino al 31 dicembre 2015.

In base ai dati dello Zooprofilattico, dai controlli effettuati, la maggior parte di aziende di bovini risultate positive si trovano nel Messinese (9,69 per cento), seguono Ragusa (3,54%), Catania (2,93%), Enna (1,87%), Siracusa (1,65%), Trapani (1,06%), Palermo (0,80%), Caltanissetta (0,55%), Agrigento (0,21%). La meno infetta dalla brucellosi bovina è la provincia agrigentina. Per quanto riguarda, invece, gli allevamenti ovi-caprini, dopo Messina, ci sono le province di Trapani (6,38%), Siracusa (4,62%), Caltanissetta (4,37%), Catania (4%), Agrigento (3.64%), Enna (2,75%), Palermo (1,88%), Ragusa (1,18%).

Gli animali, per entrare nel circuito commerciale, devono essere ufficialmente indenni da brucellosi e tubercolosi. Gli esami per la diagnosi di queste patologie vengono fatti esclusivamente dallo Zooprofilattico. Su un milione e 500 mila capi del patrimonio zootecnico regionale, annualmente l’Istituto effettua oltre un milione di esami, perché gli animali controllabili sono quelli che hanno più di un anno. A spiegare il fenomeno è Santo Caracappa, direttore sanitario dello Zooprofilattico: «Controlliamo quasi il 100 per cento del patrimonio zootecnico, in 8 province su 9. L’unica provincia dove il controllo di bovini si ferma all’80 per cento è Messina, perché ci sono ancora sacche che sfuggono ai controlli ufficiali. Per il futuro pensiamo di organizzarci meglio, non solo con le Asp vicine, ma con l’aiuto delle forze dell’ordine e dell’assessorato all’Agricoltura».

L’Istituto, una volta individuato un focolaio, ha l’obbligo di avvisare l’Asp di competenza entro 72 ore, che poi entro le 48 ore successive dovrà allertare l’allevatore che, a sua volta, entro 15 giorni ha l’obbligo di abbattere il capo infetto.

Quanto alla provincia di Agrigento, Caracappa ha precisato che «non bisogna creare alcun allarmismo: negli ultimi anni ci sono stati pochi casi di brucellosi negli animali e nessun caso nell’uomo. Gli unici distretti più problematici sono quelli di Licata e Canicattì, perché c’è un sistema di allevamento ovino e caprino estensivo promiscuo abbastanza consistente e in cui si registra una percentuale maggiore di animali positivi. Il resto della provincia è virtuosa».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP